FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Le domande che dovremmo farci prima di cominciare una dieta

Per comprendere meglio le nostre motivazioni e per capire subito se è il momento giusto e avremo successo

Istockphoto

Mettersi a dieta è sempre una scelta difficile, che va maturata e ponderata con attenzione. Specie se i chili da perdere sono cinque o più, e si annuncia quindi un cammino di una certa lunghezza, occorre ragionare con attenzione e porsi una serie di interrogativi, per evitare di cadere in preda allo scoraggiamento e al senso di fallimento nel caso non riuscissimo a centrare completamente l’obiettivo che ci siamo proposti. Ecco allora una serie di domande alle quali trovare risposta o, per lo meno, da proporsi come tema di riflessione.

Come ho fatto a ridurmi così? – La domanda è inevitabile quando affrontiamo la bilancia e il suo responso ci sgomenta. Se si tratta di una lunga serie di momenti allegri in compagnia, nei quali ci siamo goduti il buon cibo e la convivialità, poco male: siamo stati bene e ce la siamo goduta. Un buon regime, equilibrato e detox, ci rimetterà in sesto. Se invece abbiamo alle spalle solo serate davanti alla tv divorando pacchi interi di biscotti, non va bene per niente: oltre a mangiare meno dobbiamo trovare qualche attività divertente che ci regali piacere ci tenga lontani dal cibo.

 

Perché voglio dimagrire? – Me lo richiede la salute o semplicemente il desiderio di indossare un bel vestito visto in vetrina? Entrambe le motivazioni sono valide: sentirsi bene ed essere belle sono due ottime ragioni per rivedere la nostra alimentazione. 

 

Che significato attribuisco al cibo? – A volte ci sembra che mangiare sia l’unico cosa che ci dà gioia. Se il frigorifero è la nostra principale forma di conforto, non c’è dieta che tenga: possiamo tenere duro per un po’, ma non abbiamo scampo. Troviamo altre forme di gratificazione (amici, lavoro, attività interessanti) e restituiamo al cibo il ruolo che gli spetta: è ciò che ci sostiene e ci dà energia, può essere un piacere, ma niente di più. 

 

So definire i miei obiettivi? – Di solito, quando ci si mette a dieta, l’obiettivo è veder scendere l’ago della bilancia o riuscire ad allacciare la cintura dei jeans. Attenzione però: avere genericamente l’obiettivo di “dimagrire” non è del tutto efficace. Si può perdere peso semplicemente eliminando i liquidi in eccesso, ma si tratta di chili che si riprendono con grande facilità. Per dimagrire occorre perdere massa grassa e questo si ottiene solo sforbiciando le calorie e bruciando di più con il movimento. Non è detto, poi, che i chili persi se ne vadano dai punti critici che vorremmo snellire: invece di buttare giù i cuscinetti sui fianchi, potremmo vederci più scavate in viso. Il grasso di troppo viene bruciato in modo generalizzato e occorre tempo e pazienza per snellire proprio dove vorremmo. Meglio proporsi, dunque, obiettivi precisi, come perdere un chilo a settimana fino a calare di una taglia. 

 

Da sola o con uno specialista? - Un conto è proporsi di buttare giù tre o quattro chili, un altro è perderne dieci o più. Nel primo caso basta ridurre le porzioni e fare attività fisica, nel secondo si tratta di un cammino più complesso che richiede la guida di uno specialista che sappia aiutarci a dimagrire e, nello stesso tempo, correggere le nostre abitudini alimentari. Il fai-da-te in questa seconda situazione è sconsigliabile. 

 

Qual è la dieta più adatta a me? – Inutile mettersi di colpo a stecchetto quando siamo abituate a pasti luculliani o seguire un regime che ci impone alimenti che non ci piacciono o ancora che ci vincola a pasti super calibrati quando il nostro lavoro o il nostro stile di vita ci costringono a mangiare spesso fuori casa. Meglio chiedere consiglio a uno specialista che possa insegnarci come fronteggiare le situazioni in cui incorriamo più spesso, senza stravolgere le nostre abitudini. 

 

Sono disposta a fare sport? – Una sana attività fisica è molto utile se vogliamo perdere qualche chilo di peso: muoverci di più ci aiuterà anche a tonificare la muscolatura e i tessuti che, al termine della dieta, potrebbero apparire appassiti e flaccidi. Una dieta è anche un’ottima occasione per rivedere tutto il nostro stile di vita, a favore di abitudini più sane. La palestra ci annoia e lo sport non ci diverte? Basta camminare e spostarsi in bicicletta: una bella camminata a passo veloce di almeno trenta minuti al giorno può già aiutarci molto. 

 

E se non ce la faccio? – Ogni percorso è cosparsi di battute d’arresto e di possibili cadute, ma se non tentiamo, non riusciremo mai. Mettiamo in conto qualche dafaillance e qualche “sgarro”: l’importante è riprendersi, non sentirsi in colpa (o almeno non troppo), perdonare noi stesse senza sentirci fallite e riprendere da dove ci eravamo interrotte. 

 

Che cosa penseranno gli altri? – Non penseranno nulla, salvo ammirarci per la decisione e il briciolo di coraggio che richiede. Essere a dieta non comporta rinunciare alla compagnia: basta imparare a scegliere, quando si mangia insieme, i cibi che possiamo permetterci e che siano comunque abbastanza gratificanti. Un pasto più abbondante, nell’arco della settimana, può essere compensato e “recuperato” abbastanza facilmente. 

 

E’ un sacrificio o un mezzo? – Pensare continuamente che siamo a dieta rende più difficile seguirla. Il modo con cui affrontiamo il nostro regime alimentare può essere la chiave del successo o del fallimento: viverlo come un mezzo per ottenere un risultato anziché come un oneroso sacrificio, è il primo passo per avere successo. 
 

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali