FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Insalata: se sei a dieta sceglila “giusta” 

La ciotolona di verdura è ottima se vogliamo perdere peso, a patto che contenga gli ingredienti adatti

Piccola guida all'insalata perfetta

Quando decidiamo di metterci a dieta diventa una compagna inseparabile: la ciotola di insalata in cui mescoliamo lattuga, carote, peperoni e altro ancora, in un mix pieno di allegria e di colori e povero di calorie, diventa protagonista dei nostri pasti, soprattutto d’estate. Se si tratta di verdura, cruda o cotta, va per lo più tutto bene: se però aggiungiamo ingredienti diversi, con qualche concessione alla golosità e agli sfizi, la musica cambia e il nostro piatto può trasformarsi fino a diventare una bomba calorica.  Ecco allora a che cosa prestare attenzione, per un’insalatona davvero light e nello stesso tempo piena di gusto. 

LATTUGA E COMPAGNE – Le insalate a foglia verde sono quasi sempre la base di questo piatto salvalinea. La lattuga, oppure altre varietà come scarola, bietola, cicoria e spinaci, è ideale perché fermenta poco nell’intestino e quindi crea meno problemi di gonfiore. Possiamo dunque adoperare tranquillamente tutte queste varietà come base per la nostra ciotola, ricordando che il loro apporto energetico è di circa 15 calorie ogni cento grammi. In pratica: riempiono il piatto, saziano lo stomaco e non pesano sulla bilancia. A queste amiche della linea possiamo aggiungere altre verdure cotte, facendo però attenzione a quelle che tendono a fermentare nell’intestino e che possono crearci qualche inconveniente se siamo predisposti a disturbi: tra questi ricordiamo i cavolfiori, le zucchine, i finocchi. Molta cautela invece è d’obbligo con le patate: sono molto ricche di carboidrati e, nel nostro bilancio calorico, dobbiamo assimilarle più ai cereali come pasta e pane, che alle verdure. Pomodori, peperoni, carote, rapanelli e cetrioli invece vanno benissimo e aggiungono colore e allegria al nostro piatto. 

 

I FALSI AMICI: I FORMAGGI – Uno dei protagonisti della tavola estiva è la caprese, un’insalata composta da pomodori e mozzarella. Fresca e delicata, può rappresentare una grande tentazione. Attenzione però: non è così innocente come sembra. I formaggi freschi, per quanto magri, non sono affatto light. Sono anzi dei veri traditori perché, sotto il loro aspetto fresco e innocente, nascondono grassi e calorie. Un esempio? Un piatto di caprese con 150 grammi di pomodori, 100 gr di mozzarella di bufala e 5 gr di olio extravergine d’oliva, contiene circa 375 calorie. Poco meno di un piatto di pasta al burro e parmigiano, che ne contiene 395. Dalla nostra insalatona è dunque meglio bandire i formaggi, anche quelli freschi, o per lo meno, limitarne le quantità. 

 

IL MAIS: UN VERO TRADITORE – È colorato, di aspetto invitante e di sapore dolce: il mais sembra una verdura, ma non lo è. Appartiene alla famiglia dei cereali e va quindi utilizzato con parsimonia e consapevolezza: 100 grammi di prodotto bollito o in scatola portano 90 calorie e, in più, hanno anche un alto indice glicemico. In alternativa meglio ricorrere alla quinoa. 

 

CARNI E PESCI – Se la nostra insalatona diventa un piatto unico, niente ci vieta di arricchirla con bocconcini di pesce o carne. Anche in questo caso, però facciamo attenzione: nessun problema con la carne magra come pollo, tacchino, vitello, cotta in modo semplice. Non eccediamo con la carne rossa o di maiale, tanto più se sotto forma di nuggets, impanati e fritti. Quanto al pesce, vanno bene pezzetti di salmone al vapore o di tonno fresco alla grigia. Se usiamo tonno o sgombro in scatola, preferiamo le varietà al naturale rispetto a quelle sott’olio. 

 

I CONDIMENTI – L’ideale per chi cerca la leggerezza è il succo di limone con un pizzico di erbe aromatiche in sostituzione del sale. Va bene anche l’olio extravergine d’oliva, a patto di misurarne la quantità su un cucchiaio, invece di versarlo direttamente “a occhio” nel piatto. La dose corretta è di 5 grammi (un cucchiaino da caffè): un “giro” d’oliera può arrivare a versarne da due a quattro volte tanto. Sì, anche all’aceto di vino, mentre è da evitare l’aceto balsamico: contiene molti zuccheri e quindi è sconsigliabile se vogliamo tenere le calorie sotto controllo. Restiamo alla larga anche dalle salse in generale, come maionese, ketchup, intingoli vari: sono buoni e sfiziosi, ma fanno lievitare il valore energetico del nostro piatto. 

 

GIOCHIAMO CON I COLORI – Comporre un’insalatona bella colorata, oltre ad appagare la vista, è un modo semplice ed immediato per garantirci di avere a disposizione un mix completo e variegato di nutrienti diversi. Il bianco del finocchio e del cetriolo, il rosso dei pomodori e dei peperoni, il viola di ravanelli e melanzane grigliate, il verde di insalata e zucchine, l’arancione delle carote sono il segno della presenza di tutti i sali minerali e dei micronutrienti necessari nelle giornate estive. E se ci sembra di aver bisogno di uno sprint in più, possiamo aggiungere un cucchiaino di semi di lino e di miglio, oppure qualche cubetto di ananas, per un tocco fresco e dissetante. 

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali