FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Calcio: gli alimenti che ci aiutano a farne scorta

Oltre a latte e formaggio, ecco i cibi che forniscono un buon apporto di questo prezioso minerale

Donne, alimentazione, cibo, calcio

Lo sappiamo bene: un’alimentazione che ci garantisca il corretto apporto di calcio è fondamentale per la buona salute di ossa e denti. Soprattutto durante la gravidanza e l’allattamento, oppure dopo gli “anta”, le donne sono particolarmente soggette a carenza di questo minerale ed esposte al rischio di osteoporosi, ossia la perdita di densità ossea che espone a un maggiore rischio di fratture: per questo è fondamentale in tutte le età della vita mantenere un buon apporto dell’elemento che più di ogni altro aiuta a prevenire questi problemi: il calcio appunto. Sappiamo bene che ne sono ricchi latte e formaggi: questa fonte di “approvvigionamento”, però può comportare qualche inconveniente, specie in caso di intolleranze, sovrappeso e colesterolo alto. Per fortuna il calcio è presene in molti altri alimenti, che possono essere una valida alternativa. 

A CHE COSA SERVE – L’importanza di questo minerale non si limita al suo ruolo nella composizione dell’apparato scheletrico (che assorbe comunque la quasi totalità del calcio presente nel nostro organismo) il calcio è fondamentale anche per la trasmissione degli impulsi nervosi, per la regolazione dell’equilibrio acido-basico dei tessuti, nella produzione di ormoni, per la corretta contrazione dei muscoli e per la coagulazione del sangue. Se i livelli presenti nell’organismo non sono sufficiente, il fisico lo suddivide come meglio può, in modo da non farne mancare alle diverse funzioni, anche a costo di impoverire il sistema osseo. 


QUANTO NE SERVE – Il fabbisogno di calcio varia in funzione dell’età: nell’adulto è pari a circa 800 mg al giorno, ma cresce nei i bambini piccoli, il cui scheletro è in formazione e in crescita, nelle donne in gravidanza, allattamento e dopo la menopausa.  Dato che il nostro organismo è in grado di assorbire solo in parte il calcio contenuto negli alimenti, è indispensabile assicurarsi anche quei cibi che aiutano l’assimilazione del minerale. Tra i nutrienti che facilitano la biodisponibilità del calcio ci sono la vitamina D, la vitamina K2 che “indirizza” il calcio dove è più necessario e contribuisce alla costruzione delle ossa, il magnesio. Dopo la menopausa, un altro fattore di rischio è l’abbassamento dei livelli di estrogeni, gli ormoni grazie ai quali il calcio viene assorbito, e questo contribuisce a rendere le ossa ancora più fragili. 


GLI ALIMENTI – il latte vaccino e i latticini, in particolare i formaggi stagionati e lo yogurt, si confermano come fonti importanti di questo minerale. Tuttavia un buon apporto di calcio può venire anche da fonti diverse, tra cui gli ortaggi e le verdure, i cereali, le carni, il pesce, i legumi e la frutta secca. In particolare, tra i pesci si possono scegliere le sardine in scatola, delle quali si consuma anche la lisca, con un apporto di 380 mg di calcio per 100 grammi, e i gamberi, con 220 mg di calcio per 100 grammi. Fra le verdure è bene privilegiare quelle a foglia scura, come la rucola (300 mg in 100 grammi), gli spinaci, la cicoria, gli agretti, la bieta, ma sono ottimi anche il radicchio, i broccoletti, l’indivia e il carciofo. Le verdure assolvono anche al compito di alcalinizzare l’organismo, ovvero di contrastare i livelli troppo acidi del nostro Ph, assolvendo in parte a un compito svolto dal calcio e lasciandone quindi “libera” una maggiore quota per le sue altre funzioni. Per questo una dieta alcalina è un ottimo modo per garantire la buona salute delle nostre ossa. 


L’ACQUA – Non tutti lo sanno, ma ci sono alcune acque particolarmente ricche di calcio, che possono aiutarci a raggiungere il fabbisogno quotidiano. Per questo, invece di scegliere le acque oligominerali, possiamo optare per quelle che in etichetta riportano un residuo fisso più elevato. Sempre in etichetta, oltre a verificare i quantitativi di calcio, possiamo sorvegliare quelli di silicio, altro minerale importante per la sintesi del tessuto osseo. Esistono tuttavia alcuni studi secondo i quali il calcio contenuto nell’acqua è di assorbimento più difficile, per cui non si può prescindere da un’alimentazione completa ed equilibrata. 


DA ASSUMERE CON MODERAZIONE – Infine, qualche no. Se per garantirsi il giusto apporto di calcio i nutrizionisti non prescrivono un’alimentazione particolarmente ricca di latte e derivati, ma un regime “sano e variato”, possiamo evitare alcuni cibi o combinazioni di alimenti che ne ostacolano l’assorbimento. Ad esempio, i cibi ricchi di zuccheri e proteine contribuiscono all’acidificazione dell’organismo e sarebbero quindi da evitare. Caffè, tè e alcol contrastano l’assimilazione del calcio: il sale da cucina e il dado da brodo favoriscono la dispersione del minerale attraverso le urine: meglio limitare il quantitativo di sale aggiunto e il consumo di alimenti processati, particolarmente ricchi di sodio.  
 

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali