FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Palermo, prete scomunicato si scaglia contro la Chiesa : "Sono un profeta, Bergoglio non è il Papa"

A "Le Iene" lʼintervista a Alessandro Minutella, lʼex sacerdote della parrocchia di San Giovanni Bosco

“Posso tranquillamente definirmi un profeta. Sono stato chiamato dalla Provvidenza a smascherare questa falsa Chiesa”. Esordisce così Alessandro Minutella, ex sacerdote della chiesa di San Giovanni Bosco a Palermo, scomunicato nei giorni scorsi per eresia e scisma. “Due scomuniche, una in più di Lutero” si vanta i microfoni di "Le Iene".

L’anno scorso raccontava: “Bergoglio non è il Papa, la massoneria con l’appoggio delle lobby sataniche ha piazzato lì Jorge Mario Bergoglio ”. Ma nonostante tutto, continua ad avere un grande seguito: “Don Minutella è la Chiesa” gridano i suoi fedeli e lui sembra non dare peso alle due scomuniche: “Non è cambiato nulla, questa Chiesa è falsa. Hanno le grandi strutture e l’organizzazione, ma occupano un posto che non è loro”.

Oltre alle dichiarazioni, c’è qualcos’altro però, come l’ordine delle suore che si è creato intorno: “Queste ragazze sono maggiorenni, possono vedere la famiglia quando vogliono. Non è vero che le ho strappate alla loro casa”. Poi, a chiusura di intervista, si scaglia contro un’altra categoria: “Gli immigrati sono il problema della Chiesa”.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali