FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Milano dà lʼultimo saluto a Gian Marco Moratti

Presenti alla cerimonia in piazza San Carlo tanti imprenditori, sportivi, politici, ma anche persone comuni

Hanno scelto rose rosse i famigliari di Gian Marco Moratti per coprire la bara dell'imprenditore scomparso a 81 anni dopo una lunga malattia. Il carro funebre è arrivato pochi minuti dopo le 11 in piazza San Carlo a Milano dopo una breve processione partita dell'abitazione di via San Pietro all'Orto. In cima al corteo la moglie Letizia, ex sindaco di Milano, affiancata dai figli di primo e secondo letto dell'imprenditore, Angelo, Francesca, Gilda e Gabriele, seguiti dal fratello Massimo e dai suoi famigliari.

Milano dà lʼultimo saluto a Gian Marco Moratti

Fuori dalla chiesa ci sono decine di corone di fiori tra le quali quelle mandate dai dipendenti del gruppo petrolifero Saras, di cui era presidente, dal Teatro alla Scala, da Roberta Armani, dall'Inter con fascia neroazzurra e dal suo presidente Erick Thohir.

Partecipano alla cerimonia, tra gli altri, Paolo Scaroni ex ad di Eni ed Enel, Gianfelice Facchetti figlio di Giacinto, una delegazione della primavera dell'Inter con l'allenatore Stefano Vecchi, Marco Branca ex attaccante e dirigente nerazzurro, Lapo Elkann, Paolo Berlusconi, Roberto Maroni, il sindaco di Milano Giuseppe Sala, il presidente del Coni Giovanni Malagò, l'ex ad di Unicredit Federico Ghizzoni, il presidente di Pirelli Marco Tronchetti Provera con la moglie Afef, il presidente della Triennale Stefano Boeri, l'ex giocatore e dirigente dell'Inter Esteban Cambiasso e l'ex presidente dell'Inter Ernesto Pellegrini.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali