FOTO24VIDEO24ComingSoon.itDonneGraziaMeteo.itPeopleTGCOM24
La Diretta

Reggio Emilia, si finge disoccupata per non pagare il ticket: assolta

Una donna di 36 anni, operatrice scolastica precaria, non aveva diritto allʼesenzione di 34 euro. Ma per il giudice non si è trattato di una truffa

Reggio Emilia, si finge disoccupata per non pagare il ticket: assolta

Nonostante il lavoro da operatrice scolastica, seppur precario, aveva dichiarato di essere disoccupata per non pagare i 34 euro di ticket chiesti dall'ospedale Santa Maria Nuova di Reggio Emilia. Finita sotto processo per falso ideologico e truffa, è stata assolta. Motivo? Il giudice ha dato ragione alla difesa: il reato è stato riqualificato a indebita percezione di erogazioni a danni dello Stato, punito solo con una sanzione amministrativa.

La vicenda giudiziaria - Come racconta la Gazzetta di Reggio, nel 2011 il gip emise un decreto penale di condanna di 32mila euro. Il legale della donna aveva però impugnato la decisione poiché la sua cliente - questa la motivazione - non aveva messo in atto condotte finalizzate a raggirare la parte offesa ma solamente scritto una cosa falsa. Il pm ha comunque chiesto una condanna a 8 mesi di reclusione ma il giudice del tribunale di Reggio ha deciso per l'assoluzione.

Cosa dice il codice - Riguardo il reato di indebita percezione di erogazioni a danno dello Stato, il codice penale parla chiaro: "Quando la somma indebitamente percepita è pari o inferiore a tremilanovecentonovantanove euro e novantasei centesimi si applica soltanto la sanzione amministrativa del pagamento di una somma di denaro da 5.164 euro a 25.822 euro". In altre parole, niente reclusione da sei mesi a tre anni, prevista solo nel caso in cui la somma indebitamente percepita è superiore 4mila euro.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati

Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre


In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:

- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV

- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti

- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni

- Più in generale violino i diritti di terzi

- Promuovano attività illegali

- Promuovano prodotti o servizi commerciali