8/12/2007

Il Palermo piega 2-0 la Fiorentina

Al Barbera a segno Miccoli e Simplicio

Il Palermo si aggiudica 2-0 sulla Fiorentina l'anticipo serale della 15.a giornata. I siciliani dominano il primo tempo e segnano con Miccoli al 17'. Nella seconda frazione la Fiorentina cresce, presa per mano da Mutu, ma poi resta in 10 per un infortunio a Gamberini con i cambi già finiti. In 11 contro 10 Palermo torna pericolosissimo in contropiede e spreca più volte il raddoppio prima di arrotondare con Simplicio all'81'.

Gran partita al Renzo Barbera tra due squadre apparse tutt'altro che in cattiva forma, nonostante i recenti problemi. Che continuano a esistere per la Fiorentina, che nelle ultime quattro partite ha raccolto un solo punto, mentre potrebbero essere superati in via definitiva dal Palermo, rigenerato dall'ennesimo ritorno di Guidolin e dalle grandissime prestazioni di Amauri e Cavani.

E' subito il Palermo a fare la partita, mettendo in mostra un Miccoli molto mobile e ormai quasi pienamente recuperato dall'infortunio insieme a un Amauri incontenibile. Il brasiliano poi è sontuoso al 17', quando con un assist alla Ibrahimovic manda in porta a occhi chiusi Miccoli, che davanti a Frey in uscita segna la rete dell'1-0. In generale i rosanero giocano molto bene, grazie alla tecnica e alla potenza di Amauri, tornato quello migliore dopo un periodo di appannamento, al gran pressing di un centrocampo geometrico e muscolare e alle discese sulla sinistra di Capuano. La Fiorentina si riprende verso il finale di tempo, quando Fontana interviene alla grande su Montolivo.

Nel secondo tempo i viola crescono ancora, anche grazie all'ingresso di Semioli. Mutu inizia a giocare molto bene, ma non è preciso, come tutti i suoi compagni. In sostanza Fontana non deve salvare il pareggio. A correre in aiuta della squadra ci pensa Guidolin, che toglie un Miccoli stanchissimo per mettere Bresciano. La partita cambia, anche a causa degli infortuni degli uomini di Prandelli. Nel primo tempo era stato Pazienza a dover abbandonare il campo. Dopo altri due cambi ha un guaio muscolare anche Gamberini, che non ce la fa a continuare. Con i tre cambi già effettuati, la Fiorentina si deve adattare a giocare in 10 con Donadel arretrato al centro della difesa.

I viola continuano a scoprirsi con generosità, e in generale non giocano male. Ma il Palermo diventa arrembante (e sprecone) in contropiede. Frey è grande tre volte su Cavani, ma non può nulla sulla travolgente azione centrale di Simplicio, che all'81' firma il 2-0. Da questo momento non c'è più partita, bensì solo applausi per il Palermo. E anche per la Fiorentina, cui però probabilmente non basterà questa buona prestazione per salvarsi da chi le chiederà di tornare quella di un mese fa: quella che oltre a essere generosa era anche vincente.