ULTIMISSIMA 01:50

GUANTANAMO,OBAMA AUTORIZZA PROCESSI

- Usa, cancellato blocco attività carcere

Pubblicità

6/4/2006

Simic, sfogo contro Ancelotti

"Mi ha deluso, è ora di andare via"

Nella festa rossonera per la qualificazione alle semifinali di Champions League, c'è un'eccezione: Dario Simic. Il difensore si è sfogato contro il tecnico Carlo Ancelotti ed ha annunciato l'addio: "Sono veramente sicuro, è ora di cambiare aria - ha detto al quotidiano croato Sportske novosti - Certi atteggiamenti del mister mi hanno aperto gli occhi e anche deluso. Non so come spiegarmi questa indifferenza".

Simic (Afp)

Uno sfogo per dire addio ai colori rossoneri e contestare le scelte di Ancelotti, che l'ha tenuto fuori nel momento "caldo" della stagione: "Se le mie prestazioni in partita, il lavoro in allenamento e il comportamento da professionista non sono bastati per spiegarmi nemmeno le ragioni di questa indifferenza, bè, cosa aggiungere? - ha detto - Sono deluso, arrabbiato, a partire dalla freddezza che ha mostrato Ancelotti".
Guardando le cifre, comunque, il croato ha totalizzato 13 presenze in campionato, 2 in Champions e 4 in Coppa Italia per un totale di 1408 minuti in campo in stagione, con una media di 74 minuti a partita. Non un ruolino da titolare, ma nemmeno da ultima riserva della rosa rossonera. Ecco, probabilmente, che lo sfogo riguarda lo scarso utilizzo nelle gare decisive.

"Credo di poter meritare più rispetto per quello che ho mostrato - ha proseguito - Questa situazione non ha senso: ho dimostrato, dopo l'operazione, di essere all'altezza, però se non entro mai nei pensieri del tecnico neanche come prima alternativa a Stam, allora è più che ovvio che la fiducia nei miei confronti".  Così ha deciso di andare via: "E' arrivato il momento di cambiare aria". Simic, una spina nel giardino rossonero.