FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Per sconfiggere il cancro al seno arriva una "sveglia" per il sistema immunitario

Uno studio italiano ha dimostrato che lʼoncoimmunoterapia "rieduca" le difese naturali a riconoscere e distruggere il tumore, evitando così la pratica di asportazione preventiva

Per sconfiggere il cancro al seno arriva una "sveglia" per il sistema immunitario

La nuova arma per contrastare il cancro al seno arriva da nuove terapie in grado di "educare" il sistema immunitario a reagire alla malattia in modo naturale. La pratica della cosiddetta oncoimmunoterapia si è rivelata efficace già per altre forme tumorali (come melanoma e cancro al polmone). Grazie però a un nuovo studio tutto italiano condotto presso l'Istituto Oncologico Veneto di Padova, la tecnica si è rivelata efficace nell'indurre le difese naturali a riconoscere e distruggere il tumore, evitando l'asportazione preventiva delle mammelle.

Per sconfiggere il cancro al seno arriva una "sveglia" per il sistema immunitario

La nuova "cura" impedisce alle cellule cancerose di evadere la sorveglianza del sistema immunitario e quindi di trasformarsi in tumore. "L'oncoimmunoterapia - spiega Pierfranco Conte, direttore dell'istituto padovano - sembra particolarmente promettente proprio verso quei tumori al seno più aggressivi". In altre parole il temuto gene Brca1 - meglio noto come "gene Jolie" - da "spauracchio" diventa invece un'occasione per una terapia più efficace.

La studio è stato condotto su un campione di 400 pazienti, ai quali sono stati somministrati farmaci "intelligenti" inibitori di un enzima chiave che le cellule carcerose sono in grado di utilizzare. Ma la scoperta forse più importante è che la terapia immune è duratura nel tempo. "Il sistema immunitario - sottolinea Conte - diventa capace di controllare il tumore molto a lungo. Finalmente si può cominciare a parlare di guarigione".

Non è finita qui. La cura offre alla donna buone possibilità di conservare la fertilità anche dopo la guarigione dal tumore al seno. Con questa nuova tecnica si potranno insomma evitare casi Jolie in futuro. La celebre attrice aveva una mutazione ereditaria a carico del gene Brca1 che aumenta il rischio di tumori al seno e all'ovaio e per evitare il rischio della malattia ha optato per la mastectomia.

La ricerca continua - Questa via ha prodotto risultati significativi che hanno consentito in molti casi di aumentare la probabilità di guarire, soprattutto per alcuni tipi di tumore mammario come quelli a recettori ormonali positivi e i tumori Her2 positivi. "Sono però emersi anche i limiti di queste terapie a causa della capacità del cancro di mutare continuamente - conclude Conte - e quindi di diventate insensibile agli stessi farmaci che funzionavano poco tempo prima. Per cui adesso si sta provando a combattere i tumori utilizzando sostanze che attivano le stesse difese immunitarie dell'organismo".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali