FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Foibe, Tajani: "Chi nega è complice di ciò che è accaduto"

Il presidente del Parlamento europeo rende omaggio alle vittime. Mattarella: "Tragedia accantonata per troppo tempo"

Foibe, Tajani: "Chi nega è complice di ciò che è accaduto"

"I negazionisti sono stati sconfitti dalla Storia, chi nega è complice di quello che è accaduto. Ci sono migliaia di vittime innocenti, uccise perché italiane. Rendere onore ai caduti è parte della nostra civiltà". Lo ha affermato il presidente del Parlamento Ue, Antonio Tajani, a Monrupino (Trieste), in occasione del Giorno del Ricordo delle foibe, le cavità del Carso in cui finirono migliaia di persone durante e dopo la Seconda guerra mondiale.

Mattarella: "Tragedia accantonata per troppo tempo" - Sabato è stato il Capo dello Stato, Sergio Mattarella, a ricordare la tragedia delle foibe. "E' una ferita di tutto il popolo italiano, che guarda a quelle vicende con la sofferenza, il dolore, la solidarietà e il rispetto dovuti alle vittime innocenti di una tragedia nazionale, per troppo tempo accantonata", ha sottolineato Mattarella nel suo discorso al Quirinale.

La tragedia delle foibe

Salvini: "Bimbi foibe e Auschwitz sono uguali" - "I bimbi morti nelle foibe e i bimbi di Auschwitz sono uguali. Non esistono martiri di serie A e vittime serie B". Lo ha detto il vicepremier Matteo Salvini a Basovizza, località in provincia di Trieste e teatro di uno massacri. "Non esiste un però per Auschwitz e un però a Basovizza. Sono criminali gli uni e sono criminali gli altri".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali