FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

22/8/2008

Polemiche su Giovanni Falcone

Pdl: riforma giustizia come voleva lui

E bastato citare Giovanni Falcone per scatenare un vespaio di polemiche. Il premier Silvio Berlusconi, in unintervista al settimanale Tempi, ha infatti dichiarato che in cantiere una riforma della giustizia fatta seguendo le orme di Falcone, dichiarandosi al tempo stesso deluso da Walter Veltroni, suddito delle frange giustizialiste.

Lattacco al Pd e la scelta di tirare in ballo un nome carico di significati come quello del magistrato ucciso dalla mafia nellattentato di Capaci nel 1992 hanno acceso inevitabilmente la polemica. Lattacco pi duro arrivato dal leader dellIdv, Antonio Di Pietro. Non confondiamo il diavolo con lAcqua Santa, ha spiegato. Falcone ha combattuto la mafia.

Le parole di Di Pietro hanno aperto la strada a una serie di piccanti botta e risposta. Mentre il coordinatore di Forza Italia Denis Verdini e Maurizio Gasparri chiedono di non strumentalizzare le parole del Presidente del Consiglio, il Pd risponde con Lanfranco Tenaglia, ministro ombra della giustizia. Siamo alle solite dice da Berlusconi arrivano solo proposte ad personam.

Sentito nominare Giovanni Falcone, intervenuto nel dibattito anche Francesco Cossiga, presidente emerito della Repubblica. Giovanni (lo chiamo cos perch lo considero mio amico) era non solo per la separazione delle carriere e per la non obbligatoriet dellazione penale ha spiegato ma per la dipendenza del pubblico ministero dal ministro della giustizia che avrebbe dovuto rispondere in Parlamento. Cossiga ricorda inoltre che per queste idee espresse Falcone non venne eletto nel Csm e gli fu dato il bando dalla Sinistra. Su di lui ha ragione Berlusconi.

Non la pensa proprio cos la sorella del magistrato, Maria Falcone. Giovanni non ha mai chiamato i magistrati avvocati dellaccusa, ma quanto alle separazione delle carriere parlava di separazione dellordine degli avvocati dellaccusa dallordine dei magistrati. Se invece per Giuseppe Ayala, amico e collega di Falcone (ha scritto Chi ha paura muore ogni giorno, proprio riprendendo una frase cara al giudice), Giovanni voleva pm e giudici divisi e lo disse anche pubblicamente, insorge lAssociazione nazionale familiari vittime della mafia. Noi siamo sempre stati al fianco dei magistrati per bene il cui unico interesse quello di difendere la propria autonomia per continuare a garantire ai cittadini uno stato democratico.

Da Falcone poi la polemica si spostata sulla riforma della giustizia che il governo vorrebbe proporre in autunno. Il Segretario dellAssociazione nazionale magistrati, Giuseppe Cascini, ha paventato infatti il ritorno ad un regime autoritario come il fascismo. Gli ha risposto seccato il deputato del Pdl Nicol Ghedini: Queste dichiarazioni sono al di fuori della realt. Dello stesso avviso anche il presidente della commissione giustizia alla Camera Giulia Buongiorno che ha chiesto allAnm di vedere la bozza di riforma prima di esprimere giudizi. Fabrizio Cicchetto, capogruppo del Pdl alla Camera, parla invece di un involontario umorismo da parte dellAnm. Sulla necessit di una riforma della giustizia daccordo anche il segretario della Dca, Gianfranco Rotondi: Il sistema giudiziario italiano non pu essere lasciato nelle condizioni in cui si trova e necessita di essere riformato.