FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento
ManpowerGroup
Contenuto sponsorizzato

Lavoro, ecco quali aziende assumeranno nei prossimi mesi

I profili più cercati? Data scientist, Full Stack Developer, Online store manager, Wellness manager, Leadership e Learning manager

La Commissione europea ha pubblicato le proprie previsioni economiche di primavera e la fotografia relativa al mondo del lavoro è piuttosto incoraggiante: nella zona euro la disoccupazione dovrebbe scendere al 9,4% nel 2017 e all'8,9% nel 2018, toccando il livello più basso dall'inizio del 2009. E in Italia qual è la tendenza?

Gli ultimi dati disponibili, quelli di marzo, vedono il tasso stabile all'11% ma la situazione è più complessa e contano anche i dati che monitorano le tendenze. Secondo l’ultimo MEOS (ManpowerGroup Employment Outlook Survey) realizzato da ManpowerGroup, per il secondo trimestre del 2018 le prospettive di assunzione sono stabili, anche se contenute, e in linea con i dati del trimestre precedente.

ManpowerGroup, le previsioni di assunzioni per il secondo trimestre 2018

Assunzioni vs. licenziamenti - Nei tre mesi presi in considerazione i datori di lavoro del nostro paese hanno dichiarato l’intenzione di assunzione per l’8%, ma il 7% di loro prevede un calo nelle assunzioni e per l’82% non ci sarà alcuna variazione. La previsione netta sull’occupazione si attesta sul +1%, alla luce delle indicazioni fornite dai responsabili del personale. A seguito degli aggiustamenti stagionali, la previsione si attesta a quota -1%. I dati attuali confermano quanto registrato nello stesso periodo dell’anno passato, e sono stabili anche rispetto al primo trimestre del 2018.

Le dimensioni contano- Le aziende più ottimiste e pronte ad assumere sono quelle di grandi e medie dimensioni, rispettivamente con una crescita dell’occupazione pari al 23% e 14%. Più prudenti invece, le aziende di piccole dimensioni (0%) e le micro aziende (-2%).

Le regioni più veloci - Nel Nord Est del Paese c’è la più alta concentrazione di datori di lavoro pronti ad ampliare il proprio numero di dipendenti (+5%). Per i tre mesi presi in considerazione nel MEOS, non vengono rilevati cambiamenti significativi nell’area del Nord Ovest (0%). Più critica infine, la situazione che si accusa al Sud e nelle Isole (-3%), male anche il Centro Italia, con una previsione leggermente meno negativa (-2%). Tuttavia, i dati del Sud/Isole registrano un leggero miglioramento di 2 punti percentuali se messi a confronto con il primo trimestre dell’anno. Le prospettive di assunzione sono relativamente stabili nel Centro Italia e nel Nord Est e rimangono immutate nel Nord Ovest.

Focus sui diversi settori - A sostenere e guidare il mercato del lavoro italiano c’è in particolare l’ambito dell’Ho.Re.Ca (Hotellerie-Restaurant-Café), in controtendenza rispetto all’Europa, con ipotesi di assunzione in rialzo del 26%. Più in generale, nel secondo trimestre del 2018, su 10 settori industriali passati al vaglio, il numero degli occupati calerà in sei, aumenterà in due e rimarrà invariato negli altri. Il settore che registra la situazione più difficile è ancora quello Minerario ed Estrattivo (-19%).

I servizi per la ristorazione italiana registrano una performance in controtendenza alla complessa congiuntura economica e mostrano numeri significativi sul fronte dell’occupazione: in Italia sono oltre 687.000 i lavoratori impiegati nel settore Ho.Re.Ca., che per il secondo trimestre del 2018 prevede un aumento delle opportunità di lavoro pari al 26%. Il borsino delle professioni: chi sale e chi scende - Data scientist, Full Stack Developer, Online store manager, Wellness manager, Leadership e Learning manager: sono questi i profili più cercati dalle aziende in questo momento.

In ambito digitale, molto cercato è il ruolo di Data Protection Officer, un professionista che combina competenze giuridiche, informatiche e analitiche, con il compito di proteggere i dati personali e di implementare le azioni necessarie per assicurarne la massima sicurezza. Figura che con l’entrata in vigore del GDPR - il nuovo regolamento varato dall’Unione Europea in tema di tutela della privacy e sicurezza dei dati personali – è destinata ad avere un boom immediato.

Momento d’oro anche per lo Chief Information Security Office (il professionista che si occupa di definire una strategia aziendale volta alla minimizzazione dei rischi per i dati sensibili), e per il Blockchain Expert (un esperto informatico specializzato nella scrittura di protocolli che permettono una maggiore sicurezza nello scambio di informazioni e dati, quali ad esempio contratti e transazioni finanziarie).

Il metodo - Il report è stato condotto su un campione rappresentativo di 1.001 datori di lavoro italiani. A tutti i partecipanti è stata posta la stessa domanda: “Rispetto al trimestre in corso, quali cambiamenti in termini di occupazione totale prevedete nella vostra azienda per il secondo trimestre del 2018?”

L’analisi - A commentare i dati del Meos è Riccardo Barberis, Amministratore Delegato Italia di ManpowerGroup: “La nostra percezione è che l’economia in Italia stia crescendo moderatamente, le nostre aziende clienti sono fiduciose che questo trend continuerà anche per il prossimo trimestre. Per questo le assunzioni aumentano sia nel temporary sia nel permanent. La Skills Revolution, la rivoluzione che stiamo vivendo, sta portando a un’evoluzione del mondo del lavoro. La tecnologia sta trasformando le aziende che cercano costantemente i talenti in grado di adattare le loro competenze a un contesto in continua evoluzione”.

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali