FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Ucraina, un italiano giudicherà i crimini di guerra di Putin

Il magistrato si chiama Rosario Salvatore Aitala ed è nel collegio di togati della Corte penale internazionale scelta per occuparsi dell'invasione russa

Afp

Un magistrato italiano giudicherà i crimini di guerra commessi da Putin.

Il giudice

Rosario Salvatore Aitala

è nel collegio di togati della Corte penale internazionale scelto per occuparsi della guerra in Ucraina, assieme ad Antoine Kesia-Mbe Mindua e Tomoko Akane. Ex funzionario di polizia, 54 anni, Aitala insegna Diritto internazionale alla Luiss ed è convinto, come ha scritto nel suo ultimo libro, che il diritto internazionale sia "un modo di guardare il mondo" e diventare "testimoni di crimini che invocano giustizia".


 


Crimini che il procuratore capo della corte Karim Khan ha voluto toccare con mano andando in visita a Bucha, la città simbolo della furia russa, dove sono stati massacrati centinaia di civili.


 


"L'Ucraina è una scena del crimine - sono state le sue parole. - Siamo qui perché abbiamo motivi ragionevoli per credere che vengano commessi crimini all'interno della giurisdizione del tribunale. Dobbiamo dissolvere la nebbia della guerra per arrivare alla verità".


 



 


Al momento l'unica, drammatica, certezza, è che non mancherà il materiale per le indagini. Solo l'ufficio del procuratore generale di Mykolaiv riceve decine di segnalazioni al giorno di possibili crimini di guerra "e nella nostra regione i russi sono stati solo pochi giorni, figuratevi a Kherson", spiegano dalla segreteria del procuratore Volodymyr Govorukha.


 


In tutta l'Ucraina, infatti, migliaia di segnalazioni arrivano quotidianamente alle procure locali attraverso l'apposito sito in attesa di un esame che potrebbe richiedere mesi.


 


Così la Presidenza della Corte penale internazionale ha affidato la Situazione in Ucraina alla seconda Sezione istruttoria composta dall'italiano Aitala e gli altri due giudici Antoine Kesia-Mbe Mindua e Tomoko Akane.


 



 


Presentazione del rapporto ufficiale dell'Osce -

Il primo passo verso la ricerca della verità però arriva da Vienna, con la presentazione del rapporto ufficiale dell'Osce, l'Organizzazione per la cooperazione e la sicurezza in Europa, che mette nero su bianco che "nel primo mese di occupazione russa di alcune regioni dell'Ucraina sono emersi chiari schemi di violazioni del diritto internazionale umanitario da parte delle forze armate russe".


 


Il rapporto, redatto in seguito all'attivazione del cosiddetto Meccanismo di Mosca, riguarda solo gli eventi dal 24 febbraio al primo aprile e non comprende quindi le atrocità di Bucha e di altre località alla periferia di Kiev emerse solo successivamente, tuttavia contiene materiale a sufficienza per "mostrare schemi nitidi di violazioni sistematiche dei diritti umani da parte della brutale offensiva russa contro l'Ucraina", commenta il gabinetto dell'Alto rappresentante Ue Josep Borrell.


 



 


Ancora più diretto l'ambasciatore Usa presso l'Osce Michael Carpenter, secondo cui "il testo è un potente documento per dimostrare l'entità della crudeltà russa, come ad esempio nell'uso dell'emblema della Croce Rossa, di bandiere bianche e abiti civili nelle operazioni militari".


 


Nel rapporto dell'Osce gli esperti sottolineano, inoltre, come se le forze russe "avessero rispettato i loro obblighi" sanciti dal "diritto internazionale umanitario in termini di distinzione, proporzionalità e precauzioni negli attacchi" e riguardo a luoghi "particolarmente protetti come gli ospedali, il numero di civili uccisi o feriti sarebbe rimasto molto più basso".


 


Guerra in Ucraina, desolazione e distruzione dopo gli attacchi dell'esercito russo


 


Dura la reazione di Mosca

, secondo cui "le conclusioni del rapporto presentato sono sia giuridicamente che politicamente nulle", ha commentato l'ambasciatore russo presso l'Organizzazione Aleksandr Lukashevich.


 


Tensione, invece, nelle regioni separatiste, a Lugansk, dove un gruppo di persone che portava un gigantesco logo dell'Osce insanguinato ha vandalizzato la sede dell'ex missione di monitoraggio Osce SMM, evacuata con l'inizio delle ostilità a fine febbraio. Secondo la stampa locale inoltre, a Lughansk un ex dipendente locale della missione Osce è stato arrestato con l'accusa di tradimento.


Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali