FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Ridere è bello: il senso dell’umorismo si può imparare

Una risata fa bene alla salute, ci rende più simpatici e giova anche al nostro sex appeal

Ridere è bello e fa bene alla salute: sappiamo tutti che una sana risata libera endorfine, aiuta a rilassarsi e contribuisce a renderci simpatici. Il senso dell’umorismo può essere una grande risorsa a cui ricorrere nei momenti difficili o per spezzare la tensione quando questa diventa eccessiva: per molti è una virtù innata, ma con un po’ di autodisciplina si può imparare. Perché ridere, oltre ad aiutarci a guardare la vita con occhi positivi, è un ottimo modo per farsi dei nuovi amici e perfino per attirare un nuovo partner. 

Che cos’è il senso dell’umorismo – E’ la capacità di cogliere il lato divertente delle cose, anche quando a prima vista pare che non ci sia niente da ridere. A volte implica una certa dose di ironia o di autoironia, ma  può trasformarsi in arma letale se viene adoperata contro un’altra persona, mettendola in ridicolo. Attenzione quindi a come ce ne serviamo e a non trasformare l’ironia in sarcasmo. 


Si fa in quattro – In uno studio del 2003, pubblicato sul Journal of Research in Personality, lo psicologo Rod Martin ha identificato quattro tipi diversi di umorismo: quello associativo, che serve per “aumentare le proprie relazioni con gli altri” e consiste ad esempio nel fare battute scherzose o raccontare barzellette in compagnia; l’umorismo rafforzativo, che aiuta a smorzare la nostra tensione ridendo di noi stessi e delle nostre situazioni; l’umorismo aggressivo, che mette in ridicolo gli altri e sconfina nel sarcasmo; infine l’umorismo controproducente, che ci spinge a ogni sforzo per attirare l’attenzione altrui, ma che ci porta ad essere noi stessi ridicoli.  


Perché vale la pena imparare l’umorismo – I vantaggi della risata sulla salute sono stati dimostrati da numerosi studi: ridere riduce lo stress, libera gli ormoni del benessere, facilita i processi di guarigione e allunga persino la vita. Ma soprattutto, nella vita quotidiana, una bella risata rende più facili i rapporti con le persone, fa bene all’autostima, fa sembrare più facili anche i momenti complicati ed è il segnale più evidente di quel pensiero positivo che rende piacevole la vita. Non ultimo, le persone capaci di ridere e di far ridere sono considerate più attraenti dei “musoni”, hanno migliori probabilità di conquistare un nuovo partner e di instaurare con lui (o lei) un rapporto di coppia stabile e duraturo.  


Come si impara – Cerchiamo di individuare che cosa ci fa ridere e qual è la comicità che ha più effetto su di noi: in questo modo ci sarà più facile risvegliare la nostra visione “leggera” della vita e la vena comica che ci è più naturale. Osserviamo quello che fanno gli altri quando suscitano una risata, ma ricordiamo che non riusciremo a riprodurre una battuta o un gesto divertente se questi non ci appartengono e non vengono dal profondo. Per questo non possiamo semplicemente a imitare quello che fanno gli altri, ma dobbiamo trovare la nostra vena personale. 


Alleniamoci alla risata – L’umorismo una virtù che va allenata e mantenuta in esercizio.  Impegniamoci per trovare il lato buono e divertente delle situazioni: per ridere delle cose occorre anche farsi l’occhio. Le prime volte ci sembrerà un esercizio inutile e ozioso, ma con un po’ di pratica ci diventerà naturale. Se siamo timidi costruiamoci un piccolo repertorio di battute divertenti o ironiche, al quale attingere quando una situazione ci mette in difficoltà o in imbarazzo. Proviamole prima nella cerchia familiare o con gli amici fino a che non ci diventano spontanee. 


Occhio alle situazioni – Quando avremo un po’ affinato il nostro senso dell’umorismo e ci verrà spontaneo trovare il lato divertente delle cose, prestiamo la massima attenzione alle situazioni e al contesto in cui ci troviamo: una battuta a sproposito o troppo diretta può offendere o addirittura ferire. Ci sono poi argomenti sensibili sui quali non è dato scherzare, come quelli legati alle preferenze sessuali, alla religione o alle questioni razziali. In questi casi lo scherzo è decisamente controproducente e può addirittura rovinare pe sempre un’amicizia. 
 

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali