FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Resilienza: che cos’è e come svilupparla

Un decalogo per coltivare l'attitudine che ci rende capaci di adattarci alle situazioni e a superare le difficoltà.

In questi ultimi anni, così difficili, se ne è parlato spesso: la resilienza in ingegneria è la capacità di un materiale di assorbire un urto senza rompersi. Analogamente, in campo psicologico e sociologico, il termine indica l’attitudine e la capacità di fronteggiare un evento anche traumatico senza esserne travolti, ma riorganizzando all’occorrenza la propria vita davanti alle difficoltà e cogliendo ogni opportunità che possa presentarsi. Molti sono convinti che sia una dote rara: appartiene invece a ciascuno di noi e possiamo, in qualche modo, “allenarla”. 

Come spiegano gli esperti dell’istituto di ricerca della Fondazione Paoletti, i processi cerebrali che ci permettono di superare avversità e stress sono comuni a tutti gli esseri umani e possono essere esercitati e potenziati proprio come fa un atleta con i suoi muscoli durante l’allenamento. Ci sono dieci chiavi che possono aiutarci a sviluppare le nostre capacità di resilienza nella quotidianità e predisporci positivamente davanti alle difficoltà: il decalogo che ne scaturisce è frutto di un approccio multidisciplinare che intreccia la ricerca neuroscientifica e psico-pedagogica in cui la Fondazione è impegnata da quasi due decenni con le più recenti scoperte sul funzionamento del nostro cervello, realizzate da ricercatori in tutto il mondo.


1 - RIPARTIRE DA CIO’ CHE SI PUO’ CONTROLLARE E PRENDERE PICCOLE DECISIONI - Il potere di decidere ha un effetto straordinario sulla nostra mente, anche se si tratta di controllare piccole cose. Una decisione intenzionale crea infatti l’intenzione di muoversi in una certa direzione e questo riduce il numero di variabili che la nostra corteccia cerebrale deve valutare. Aumenta la fiducia in noi stessi e diminuisce ansia e preoccupazione, soprattutto quando intorno a noi tutto sembra incerto e instabile.   


2 - INDIVIDUARE OBIETTIVI RAGGIUNGIBILI, STIMOLANTI E MISURABILI – Quando i nostri obiettivi non sono chiaramente definiti, il cervello può avere difficoltà a stabilire come e quando realizzarli. Questo porta ad una progressiva demotivazione e ad una riduzione delle sostanze chimiche che ci danno energia e soddisfazione. Per questo è importante porsi anche pochi obiettivi che consideriamo alla nostra portata, anche a medio e lungo termine,  e molto specifici. In questo modo diventa più facile combattere la demotivazione e la depressione.


3 - ESSERE GRATI –Una ricerca dell’Università di Berkeley ha rilevato che le aree cerebrali legate alle relazioni sociali e all’empatia sono più sviluppate nelle persone che praticano la gratitudine. Essere grati per ciò che siamo, per ciò che abbiamo, specialmente nei momenti in cui perdiamo qualcosa, è importantissimo per non cadere nella depressione. Teniamo un diario in cui scrivere ciò per cui siamo grati: può alleviare lo stress, ridurre i sintomi depressivi e incoraggiarci a essere più consapevoli di ciò che ci rende felici, senza dare nulla per scontato. 


4 - CAMBIARE  POSTURA PER CAMBIARE ATTITUDINE - Il nostro corpo a volte assume posizione involontarie che però influenzano il nostro umore. Ad esempio, se siamo tristi o di cattivo umore, tendiamo a ripiegarci fisicamente su noi stessi. Prendere coscienza della nostra postura e assumere una posizione più assertiva, anche solo per pochi minuti al giorno, può aiutarci a sentirci più forti e a stare meglio. 


5 - LASCIARSI ISPIRARE – Prendiamo come modelli i personaggi famosi della storia che hanno saputo superare le loro difficoltà. Questo ci aiuterà a capire che gli ostacoli possono essere i punti di partenza su cui costruire un successo.  


6 - CHIEDIAMOCI CHE COSA È DAVVERO IMPORTANTE – A volte capita di essere infelici perché non inseguiamo le cose davvero importanti per noi, come la famiglia, l’amore o la libertà. Imparare a comprendere questo ci rende più forti: la vera linfa della resilienza è avere un obiettivo da coltivare nella propria vita. 


7 - IMPARARIAMO A CONDIVIDERE – Nei momenti difficili tendiamo a isolarci, come se il dolore fosse una cosa da vivere da soli. In realtà condividere il dispiacere, e soprattutto il desiderio di superarlo, può allargare la nostra visione sulla vita. L’altro, allora, diventa una risorsa, come colui che può darci ciò di cui abbiamo bisogno. 


8 - ESSERE CURIOSI – La curiosità ci spinge a prestare attenzione e ci fa sentire responsabili del mondo che sta intorno a noi. Per questo, nei momenti di crisi è bene esplorare nuovi orizzonti: potremmo scoprire nuovi aspetti di noi stessi che ancora non conoscevamo. 


9 - L’AUTO-BENEDIZIONE: UN RITO PRIMA DI DORMIRE – Alleniamoci a dire bene, cioè a benedire, di ciò che abbiamo fatto e vissuto durante la giornata. Costruiamo una narrazione positiva e pro-attiva di quello che abbiamo fatto nel corso della giornata: in questo modo creeremo uno spazio interiore di accoglienza e di accettazione anche dei nostri limiti, per predisporci a superarli domani. Aiuteremo anche il nostro cervello a processare le esperienze vissute e a metterle in ordine durante la notte.


10 - PRATICARE UN MINUTO OMM (One Minute Meditation) - Molti studi hanno dimostrato l’importanza della meditazione per migliorare le funzioni cognitive, la gestione delle emozioni e il benessere fisico. La pratica della tecnica OMM (One Minute Meditation), intesa come meditazione breve, anche di un solo minuto,  da ripetere  anche più volte al giorno, è un aiuto reale per avere più consapevolezza di se stessi, e percepire una maggiore calma e distensione muscolare. 
 

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali