FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Resilienza: come può aiutarci in tempi di pandemia

La capacità di piegarci senza spezzarci è di fondamentale importanza nei periodi difficili come questo

Istockphoto

I latini un tempo scrivevano: “Frangar, non flectar” che significa “Mi spezzerò, ma non mi piegherò”: questa locuzione indicava il comportamento dell’uomo onesto e coraggioso, esempio di integrità morale capace di resistere senza accettare alcun compromesso e proposto come ideale di comportamento da imitare nella vita quotidiana. Oggi invece il modello di saggezza a cui ispirarsi è esattamente opposto: la virtù da perseguire in questi tempi difficili è la resilienza, ovvero la capacità di adattamento alle diverse situazioni, anche se queste richiedono un cambiamento di prospettiva da parte nostra. 

COME UNA PALMA - Pensiamo a come si comporta una palma quando è investita dalla furia di una tempesta tropicale: si piega sotto la furia del vento, le fronde stormiscono e si afflosciano sotto la pioggia, ma a tempesta finita il fusto si risolleva, le fronde lasciano scorrere via l’acqua, la pianta sopravvive e torna in breve tempo ad essere sana e rigogliosa. Un albero più rigido, invece, subisce danni più gravi, con rami spezzati e, al limite, viene sradicato. La resilienza è proprio la capacità di piegarsi davanti alle avversità, un po’ come fa la palma, resistendo alle sollecitazioni provocate dalle avversità senza riportare danni troppo gravi. Non a caso, la parola è “importata” in campo psicologico dalla terminologia ingegneristica, nella quale indica la capacità di un materiale di assorbire un urto o una sollecitazione senza spezzarsi. Allo stesso modo, in ambito psicologico e sociologico la resilienza è l’attitudine e la capacità di fronteggiare difficoltà ed eventi traumatici senza esserne travolti, ma attuando un approccio diverso nei confronti delle situazioni, riorganizzando la propria vita davanti alle difficoltà e approfittando di ogni opportunità che possa presentarsi. Mai come in questo sfortunato 2020 tutti noi siamo stati costretti a ricorrere alla nostra resilienza.

 

I PRESUPPOSTI DELLA RESILIENZA - I meccanismi di resilienza sono presenti in ciascun essere umano e sono quindi alla portata di tutti. È però vero che non sempre riusciamo ad essere resilienti in pari misura, specie se nella nostra vita si sono verificati eventi, relazioni e contesti che hanno reso più difficile questo percorso. Eppure la resilienza può essere "allenata" con buoni risultati. Il soggetto resiliente, di solito, è una persona portata naturalmente a conservare un atteggiamento positivo e ottimista, senza perdere mai la speranza in un futuro migliore; tende a considerare gli eventi difficili come transitori nel tempo, ha fiducia nelle proprie capacità di controllo su di sé e sulla propria vita, sa leggere i cambiamenti come un'opportunità e non come una minaccia. Sembra il ritratto di un super-eroe? Invece, procedendo a piccoli passi, è un cammino che tutti posiamo percorrere.  

 

COME ALLENARSI ALLA RESILIENZA –Cambiare il punto di vista – Quello succede fuori da noi non è sotto il nostro controllo, ma il significato che attribuiamo agli eventi dipende da noi. 
-Ripartiamo da ciò che posiamo controllare - Specie quando intorno a noi tutto appare incerto e instabile, prendiamo decisioni su ambiti che sono sotto il nostro controllo. Questo aumenterà la fiducia in noi stessi e diminuirà l'ansia.
-Un passo alla volta e “piccole” decisioni - Poniamoci pochi obiettivi che consideriamo alla nostra portata, anche a breve e medio termine, molto specifici. Non perdiamo di vista la direzione e l'obiettivo finale, ma concentriamoci solo sul prossimo passo del cammino.
-Miglioriamo la nostra autostima – Facciamo del nostro meglio per migliorare l’immagine che abbiamo di noi stessi: non perdiamo occasione per riconoscere i nostri meriti, impariamo ad accettare le lodi che ci vengono rivolte, impariamo a gioire degli obiettivi raggiunti anche se sono piccoli e parziali. 
-Coltiviamo l’ottimismo – Il pensiero positivo si può imparare. Circondiamoci di persone serene e solari, non abbandoniamoci al mugugno e ogni sera troviamo almeno una cosa buona accaduta nella giornata e della quale essere grati. 
- Non rinunciamo all’umorismo – Saper ridere delle cose significa riuscire a distaccarsi da esse e a collocarle a una certa distanza da noi, recuperando la lucidità necessaria a risolvere i problemi.
-Impariamo a condividere – La comunicazione e la condivisione con altre persone di un evento anche negativo ci aiuta a rielaborare le emozioni, ottenere il conforto della solidarietà altrui e, magari, ci porterà a ricevere aiuti inattesi. 

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali