FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Metodo "Eat-that-frog": il rospo ci insegna a non rimandare

Se tendiamo a procrastinare senza fine i nostri doveri, ecco un sistema per perdere questa brutta abitudine

istockphoto

Il proverbio dice: non rimandare a domani quello che può essere fatto oggi. C’è chi riesce a fare tesoro di questa massima e chi invece è un “procrastinatore” seriale: sappiamo perfettamente quali sono i nostri doveri, eppure ci inventiamo ogni scusa pur di rimandare più volte, fino a che non ci troviamo con l’acqua alla gola.

Esistono però dei metodi per toglierci da queste situazioni, con i quali possiamo affrontare i nostri compiti in modo efficace e risparmiando tempo. Uno di questi ha un nome divertente: Eat-that-ftog, che in italiano può suonare come “ingoiare il rospo”, o anche “tagliare la testa al toro” e fare quel che c’è da fare per non pensarci più. Vediamo come funziona il metodo.

UNA RANA DOPO COLAZIONE - “Eat that frog!” è il titolo di un libro di Brian Tracy, autorità riconosciuta a livello internazionale e autore di molti testi sullo sviluppo del potenziale umano e sul miglioramento della produttività e dell'efficacia personale. Nel libro viene presentato un metodo che prende le mosse da una frase di Mark Twain: “Eat a live frog first thing in the morning and nothing worse will happen to you the rest of the day” (Mangia una rana viva come prima cosa al mattino e niente di peggio potrà capitarti per il resto della giornata). Anche nella nostra lingua, sono molti i modi di dire che ripropongono la stessa idea, ad esempio “prendere il toro per le corna” o anche “via il dente, via il dolore”. Il rospo in questo caso è il compito più sgradevole e impegnativo che dobbiamo affrontare nell’arco della giornata: il fatto di abbordarlo subito dopo colazione, come prima cosa, farà sì che ce ne saremo liberati subito e da quel momento tutto ci sembrerà più facile. Di solito si procede in modo inverso: si comincia dai compiti più leggeri e piacevoli, rimandando il più possibile quelli più onerosi e sgradevoli: mangiando subito la rana, invece, ci regala un sollievo immediato e fa apparire in discesa tutta la giornata, aumentando il nostro senso di autoefficacia. 

 

QUANDO I ROSPI SONO TANTI – Purtroppo, accade spesso che i rospi da ingoiare siano più d’uno. Come comportarsi in questo caso? Tracy suggerisce di compilare una classifica in base all’importanza dei compiti da svolgere, tenendo presente che non sempre importanza e urgenza coincidono. L’ordine in cui affrontare i diversi rospi dovrebbe essere il seguente. 
A – Compiti che, se non svolti, possono avere conseguenze. 
B – Compiti che andrebbero affrontati, ma che non hanno conseguenze se restano lì.
C – Compiti che vanno svolti, ma che possono essere lasciati incompleti senza conseguenze. 
D – Compiti che possono essere delegati.
E - Compiti che possono essere rimandati o cancellati. 
L’idea è dedicarsi a tutti rospi di tipo A e affrontare quelli di tipo B sono quando i primi sono stati “smarcati”. I rospi di tipo C, D, ed E possono passare in second’ordine, per lo meno finché non salgono nella scala delle priorità. 

 

PERCHÉ RIMANDARE TROPPO FA MALE – Rimandare il più possibile le cose sgradevoli è umano e, in effetti, accade molto spesso. Si tratta però di una scelta che comporta molti lati negativi da tenere in considerazione. Il fatto di continuare a procrastinare all’infinito un dovere a cui non ci si può sottrarre può comportare conseguenze sgradevoli sia nel mondo del lavoro che nella vita privata: potremmo ad esempio non avere tempo o energie sufficienti per affrontalo al meglio, o trovarci in una situazione ancora più complicata se non ci siamo mossi in modo tempestivo. La consapevolezza di avere delle attività in sospeso è inoltre fonte di ansia e di stress, compromette il godimento che si può trarre dalle altre attività e ci espone alle critiche di colleghi e conoscenti. Se rimandare si trasforma in un’abitudine può anche essere il segnale che non siamo realmente interessati a quello di cui ci stiamo occupando, o che siamo in crisi di autostima, o anche che abbiamo timore di sbagliare nelle nostre scelte. Il metodo del rospo può quindi aiutarci a riflettere su noi stessi e sulle nostre scelte. 

 

GLI ALTRI CONSIGLI DEL METODO – Nel libro di Brian Tracy sono contenuti anche altri suggerimenti spiccioli per aumentare la produttività e “mangiare la rana” in modo più efficace e rapido: ad esempio può essere utile pianificare la sera le attività del giorno successivo, compreso l’ordine in cui svolgere i diversi compiti; organizzare la scrivania in modo da averla ordinata e sgombra, con tutto quello che serve a portata di mano; dividere in piccoli passi i progetti più complessi e lunghi da eseguire, affrontandoli una porzione per volta, in modo ordinato e con disciplina: in questo modo ci sembreranno meno impegnativi e gravosi. Ma in ogni caso, anche se dividiamo in piccoli passi un compito complesso, ricordiamoci che vale sempre la regola principale: la rana più grossa va ingoiata per prima.   
 

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali