FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Lavare la frutta prima di mangiarla: serve davvero?

Le nonne lo consigliano da anni e la scienza lo conferma: è un’operazione necessaria per l’igiene e la salute

E’ una delle norme di igiene consigliate dalla tradizione domestica di mamme e nonne: la frutta va mangiata preferibilmente con la buccia, ma dopo averla ben lavata. Lo stesso vale per la verdura che si consuma cruda. Molti pensano che l’acqua serva solo a rimuovere sostanze che non sono comunque dannose per la salute e che non elimini comunque quelle pericolose eventualmente presenti: il lavaggio sarebbe quindi superfluo o addirittura inutile. Gli studi scientifici dimostrano però che le cose non stanno così e che lavare accuratamente frutta e verdura è una sana abitudine a cui non rinunciare. Non tutti i lavaggi però sono ugualmente efficaci: ecco allora come procedere per tutelare il più possibile la nostra salute.

Frutta e verdura: piccola guida al lavaggio perfetto

IL LAVAGGIO E I SUOI PERCHE’ – La raccomandazione viene dal CDC di Washington, il Centro per il Controllo delle Malattie della capitale statunitense: anche senza considerare i trattamenti a cui sono sottoposte le piante durante la coltivazione e le impurità che alcuni ortaggi possono raccogliere dal terreno, prima di arrivare sulla nostra tavola frutta e verdura subiscono una lunga serie di passaggi durante i quali vengono trattati e manipolati in molti modi. Possono quindi subire diversi tipi di contaminazioni, riconducibili a due diverse tipologie: batterica e da pesticidi. Contro la prima, un buon lavaggio con una soluzione di acqua e bicarbonato è efficace nel garantire la pulizia e l’igiene; molto più difficile è rimuovere i residui di sostanze chimiche. Quelli presenti sulla buccia vengono rimossi abbastanza efficacemente dal lavaggio con acqua, mentre poco si può fare per quelli sistemici. La migliore precauzione sta nell’acquistare frutta e verdura provenienti da fonte sicura, leggere bene le etichette dei prodotti confezionati e, al limite, sbucciare frutta e ortaggi prima di consumarli, anche se la maggior parte dei nutrienti si trova proprio nella buccia.

L’ACQUA NON BASTA – La domanda quindi non è se lavare frutta e verdura prima di mangiarli: il tema è semmai come fare per igienizzarli nel modo più efficace. Una sciacquata veloce sotto il getto dell‘acqua del rubinetto serve a ben poco: dopo un primo passaggio sotto l’acqua, per rimuovere gli eventuali residui di polvere e terra, occorre immergere i vegetali in una apposita soluzione igienizzante di tipo chimico oppure in una di preparazione domestica a base di acqua e bicarbonato (un cucchiaio di bicarbonato di sodio per litro d’acqua) e lasciare in immersione per 5-15 minuti. Se la frutta o le foglie di verdura vi sembrano molto sporche, può essere opportuno ripetere brevemente l’operazione una seconda volta rinnovando la soluzione. Acqua e bicarbonato sono sufficienti per rimuovere la maggior parte delle impurità e dei batteri, compresi quelli più “cattivi” come la salmonella e l’Escherichia coli. In alternativa al bicarbonato si può utilizzare una soluzione di acqua e aceto, in proporzione di 2 a 1 (ad esempio due bicchieri di acqua e uno di aceto): si immergono i vegetali nella soluzione per 15-30 minuti, poi si sciacqua in acqua strofinando bene la buccia. Si può anche mischiare in una tazza d’acqua da 250 ml un cucchiaino di bicarbonato di sodio e un cucchiaio di succo di limone; quando il composto è ben amalgamato si inserisce in uno spruzzatore e si vaporizza su frutta e verdura; si lascia agire per una decina di minuti e poi si lava in acqua, strofinando bene la buccia.

LE INSALATE IN BUSTA – Teoricamente le insalate confezionate dovrebbero essere già igienizzate e pronte l’uso. In realtà occorre leggere attentamente le etichette: se la dicitura parla di “insalata mondata”, significa che si tratta di foglie scelte e, appunto, mondate, ma no lavate. Occorre quindi procedere alla normale igienizzazione prima di condire e mangiare. L’insalata confezionata e dichiarata come “pronta da condire” è invece selezionata, sottoposta a diversi lavaggi e asciugatura, poi confezionata ed etichettata con data di scadenza. In questo caso si può saltare il lavaggio, a meno che non siano presenti foglie appassite e altri guasti visibili, segnale che in qualche momento potrebbe essere stata interrotta la catena del freddo.

LA SCORZA DEGLI AGRUMI – Merita particolare attenzione, anche quando la si utilizza in una ricetta. In alcuni casi, di solito segnalati con cartellini sui banchi del mercato o della grande distribuzione, la scorza potrebbe essere non edibile, se il frutto è stato trattato con alcuni tipi di sostanze conservanti. Meglio utilizzare frutti di provenienza sicura, meglio ancora se biologica. In ogni caso è indispensabile un lavaggio molto accurato per eliminare residui di terra, polvere o altra sporcizia.

IL LAVAGGIO PERFETTO – Ecco un piccolo vademecum per un’efficace pulizia di frutta e ortaggi.
1- Prima di toccarli, lavarsi accuratamente le mani
2 – Non lavare frutta e verdura se si ha intenzione di conservarla in frigorifero perché potrebbero svilupparsi dei microrganismi. Meglio procedere prima del consumo
3 – Lavare sotto il getto dell’acqua corrente e potabile per togliere lo sporco, ridurre la carica batterica e eventuali tracce di sostanze chimiche rimaste sulla buccia
4 – Lavare anche i frutti che poi verranno sbucciati
5 Usare per il primo lavaggio acqua tiepida: solo l’insalata va lavata in acqua fredda
6 I frutti e gli ortaggi con la buccia dura possono essere sfregati e spazzolati leggermente
7 Eliminare le eventuali parti ammaccate o graffiate, nelle quali possono svilupparsi batteri e altri microrganismi
8 Igienizzare seguendo le istruzioni esposte sopra.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali