FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Mal di schiena da scrivania: combattiamo i dolori da posizione

Posizioni scorrette, sedentarietà, tensione: tutti i nemici del nostro lato dorsale

Posizioni ed esercizi per combattere il mal di schiena da tavolino

Il problema è ben noto: otto ore (o più) seduti davanti al computer, lo stress della giornata lavorativa che ci fa contrarre inavvertitamente i muscoli, le posizioni non proprio ergonomiche che siamo costretti ad assumere se lavoriamo in casa su postazioni a volte improvvisate: tutto questo si ripercuote sulla colonna vertebrale e sulla catena muscolare della schiena. Il risultato sono disturbi di vario genere, dall’indolenzimento al dolore nella regione lombare e cervicale. Qualcosa però si può fare per evitare, e meglio ancora prevenire, questi disturbi.

LA POSTAZIONE DI LAVORO – Se lavoriamo in ufficio, la scrivania, la poltroncina e l’illuminazione della postazione rispondono a requisiti ergonomici stabiliti dalle leggi sulla sicurezza nel luogo di lavoro. Se però lavoriamo da casa, in smart working, siamo noi in prima persona a doverci assicurare una postazione sicura e confortevole, anche quando ci dobbiamo accontentare di sistemazioni di fortuna, utilizzando mobili pensati per scopi diversi dal lavoro. Cerchiamo almeno di disporre di un tavolo e di una seduta di altezza adeguata, tali da permetterci di appoggiare completamente i piedi a terra e di mantenere i gomiti e gli avambracci appoggiati al piano di lavoro. Lo schermo del pc deve essere all’altezza degli occhi, per non dover piegare il mento in avanti per leggere in modo confortevole; infine dobbiamo riuscire a sedere in posizione eretta, con il busto ad angolo retto rispetto al bacino. Attenzione anche all’illuminazione, che non deve creare riflessi sullo schermo: se non è possibile orientare diversamente la scrivania, schermiamo la finestra con una tenda. 

 

CONTROMISURE DOMESTICHE – Se la nostra sistemazione casalinga non è ottimale, proviamo a modificare il rapporto tra altezza della sedia e quella del tavolo utilizzando dei cuscini per sollevare il piano di seduta, o innalzare con un supporto il computer o lo schermo se ci troviamo curvi. Una soluzione pratica è sostituire la sedia con una palla da fitball, come quelle di grandi dimensioni che si usano in palestra: ne esistono di vario diametro e mantenendole più o meno gonfie si può personalizzarne l’altezza. Quando poi non serve più, si può sempre utilizzare per fare ginnastica o sgonfiarla del tutto, riducendola ad un ingombro minimo. Da evitare invece il più possibile sono le posizioni scomposte, ad esempio semidistesi sul letto o acciambellati sul divano: possono sembrare comode, ma alla lunga sono deleterie. 

 

MUOVERSI SPESSO – L’immobilità prolungata è da evitare il più possibile: il fatto di mantenere la stessa posizione per molto tempo è la causa principale di molti disturbi. Facciamo pausa ogni tanto, anche per riposare la vista, e cerchiamo di muoverci quanto più possiamo. Se questo può risultare complicato lavorando in ufficio, in casa è un po’ più facile: basta camminare su e giù per la stanza quando si parla al telefono, stiracchiare le spalle e la schiena, ruotare il collo e allungare le braccia avanti e verso l’alto. Prestiamo anche attenzione alle posizioni che assumiamo durante il lavoro: sforziamoci di mantenere le spalle basse e rilassate, senza infossare il collo, evitiamo di “fare la gobba” con la schiena inclinandoci in avanti, o di piegarci all’indietro, inarcando la schiena. Alziamoci spesso dal nostro posto, per sgranchire le gambe e decomprimere i glutei, schiacciati dalla posizione seduta. 

 

RINFORZIAMO LA MUSCOLATURA DORSALE – Un buon sostegno da parte della muscolatura della schiena è indispensabile per non soffrire di dolori da posizioni. Non ci resta che allenarci per avere tessuti tonici e forti. Esistono numerosi esercizi di stretching da fare in casa e in ufficio, addirittura senza muoversi dalla propria scrivania, che, praticati con costanza, possono aiutarci molto. L’ideale, naturalmente, è avere una vita attiva e combattere in ogni modo la sedentarietà: conserviamo quindi almeno trenta minuti al giorno per fare un po’ di esercizio fisico, magari per una passeggiata a passo svelto o per un giro in bicicletta. Per esercitare le mani e le spalle possiamo manipolare una pallina medica antistress, imparare alcuni semplici esercizi di stretching per allungare la schiena (ad esempio sollevando le braccia verso l’alto come per toccare il soffitto o in avanti, per distendere le spalle), e per il collo (ruotando il capo e inclinandolo di lato a destra e sinistra). Per dare sollievo e allungare la muscolatura della schiena ci sono alcune facili posizioni mutuate dallo yoga o dal pilates, Non dimentichiamo infine il potere di una corretta respirazione: respirare in modo profondo e regolare migliora immediatamente la postura e contribuisce ad alleviare stress e tensioni. 
 

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali