FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Coppia: come litigare in modo sano e costruttivo

Non solo uno sfogo o un battibecco: uno scontro può essere liberatorio e utile, senza offese e umiliazioni

Tutte le coppie, poco o tanto, litigano e questo non è indice di cattiva salute del rapporto: scontrarsi, almeno ogni tanto, è senz’altro più sano che lasciare covare le tensioni sotto la cenere. L’importante è che il confronto, per quanto acceso, avvenga in modo costruttivo e senza suscitare malanimo e tensioni eccessive: un bisticcio, per essere sano, deve essere liberatorio e chiarificatore, senza creare umiliazioni e inutili dispiaceri. Vediamo allora come litigare in modo assertivo.

Affrontiamo le situazioni, ma con tatto – Se c’è un problema, tanto vale prendere il toro per le corna e confrontarsi al più presto: anche una cosa di poca importanza, ignorata e fraintesa, può avere conseguenze spiacevoli. Diamo a ogni questione il giusto peso e ricordiamo che una cosa per noi poco rilevante può avere molta importanza per il nostro partner. Se però la giornata è stata difficile, se ci sono problemi seri sul tappeto, se siamo stanchi, o uno dei due è alle prese con un problema serio, evitiamo di buttare benzina sul fuoco. Se la questione da mettere sul tappeto non è urgente, può essere saggio rimandare a un momento più propizio. 

 

Una cosa per volta – Limitiamo lo scontro all’argomento in discussione, senza tirare in ballo i massimi sistemi e le questioni esistenziali: se il confronto verte sul modo di trascorrere la domenica, non andiamo a ricordare le mille volte in cui “la tua famiglia è stata insopportabile” o il fatto che “sua madre ha un carattere impossibile e mi critica sempre”:  meglio concentrarsi sul fatto che stavolta avevamo in mente di andare al cinema, in campagna, o semplicemente volevamo riposare a casa. 

 

Restiamo nel presente – Lasciamo che il passato resti alle nostre spalle: è inutile e poco costruttivo far tornare a galla, a causa del soggiorno in disordine, gli argomenti di lite e di scontento di un anno intero. Fermiamoci al presente e alla singola situazione: sarà più facile trovare una soluzione e il litigio più breve. 

 

Soluzioni di compromesso – Prima che il confronto degeneri in lite, facciamoci trovare pronte con una soluzione che sia a metà strada tra la nostra posizione originaria e quella del partner. Mostrandoci disponibili a un compromesso gli trasmetteremo la sensazione di non voler fare tutto di testa nostra, ma di essere pronte a collaborare (magari in cambio di qualcosa d’altro) e anche la nostra controparte si sentirà meglio disposta a venirci incontro. 

 

Attenzione al linguaggio - Essere in disaccordo non autorizza le due parti a superare i limiti della buona educazione e del comportamento civile. Evitiamo di trascendere nei toni e nei termini, e controlliamo con cura anche il linguaggio del corpo: un gesto o un’espressione possono ferire più di mille parole.

 

Una scaletta di priorità – Prima di affrontare una discussione, valutiamo l’importanza dell’oggetto del contendere. Specie se siamo affrontando un periodo in cui i battibecchi sono frequenti, forse vale la pena concentrare l’attenzione sulle questioni davvero importanti, sorvolando sul resto. La serenità non ha prezzo: cerchiamo di conservarla.

 

Ma non diciamo sempre sì – Eccezione al punto precedente: cedere sempre per amor di pace è sbagliato e poco tattico. Se uno dei due sta attraversando un momento delicato, è giusto che l’altro sia comprensivo e arrendevole. Ma, in un momento sereno, affrontiamo la questione e mettiamo in chiaro che ci aspettiamo la stessa comprensione quando verrà il nostro turno. Fissiamo poi alcuni punti che consideriamo irrinunciabili e chiediamo all’altro di rispettarli senza metterli in discussione. 

 

Obbiettivo: trovare una soluzione – Forse è bene ricordarselo: si discute per arrivare a una soluzione su un certo problema, non per il gusto di litigare. Gli scontri dialettici, per ripicca o per il gusto di avere l’ultima parola, sono sterili e alla lunga distruttivi. Meglio tenerlo presente e, al limite, mettere a tema la questione (senza litigare, possibilmente!). 


Un po’ di ironia – Quando ci sembra il momento di chiudere lo scontro, facciamoci aiutare da un pizzico di sana ironia e, possibilmente, di una risata. Aiuta a smorzare la tensione e evita gli arrocchi nel mutismo e nei bronci. 

 

Ritrovare l’armonia – È lo scopo a cui deve tendere ogni litigio: ci si confronta, anche con determinazione, ma alla fine si deve essere capaci di fare pace e ritrovare il sorriso. Non lasciamo covare la collera e l’insoddisfazione: se non troviamo u altro modo per scaricare la tensione, allontaniamoci e usciamo di casa per un urlo liberatorio o per un po’ di moto che ci aiuterà a tornare noi stessi. 

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali