TGCOM

Cronaca

Tutte le ultim'ora

1/2/2011

Marrazzo fermato con un viado

Pizzicato a un posto di blocco

A oltre un anno dallo scandalo che gli è costato la poltrano di governatore, Piero Marrazzo è stato fermato dai carabinieri a un posto di blocco mentre era in auto con un viado sudamericano. Secondo quanto riferisce Libero, Marrazzo è stato pizzicato dai carabinieri alle tre di notte martedì scorso in via Tuscolana, a Roma e si sarebbe giustificato dicendo che stava accompagnando a casa l'amica. Dal controllo non è emersa alcuna irregolarità.

Piero Marrazzo  - Foto Ansa

I militari hanno fermato l'ex governatore durante un controllo di routine, insospettiti dalla macchian di grossa cilindrata con i vetri scuri di Marrazzo. L'ex esponente del Pd era alla guida. Seduto al suo fianco un trans. Stando a Libero, prima ancora di essere identificato, Marazzo ha cercato di giustificarsi, sfoggiando un insolito accento calabrese. "Sto solo accompagnando a casa un'amica", avrebbe detto ai carabinieri.

Dal controllo non è emersa alcuna irregolarità né penale, né amministrativa nei confronti di Marrazzo, ma, come previsto per i posti di blocco, i nomi dei due occupanti dell'auto sono stati riportati nella relazione di servizio dei carabinieri. Non è la prima volta che Marrazzo viene fermato in piena notte dalle forze del'ordine. Quattro mesi fa l'ex governatore è stato bloccato per un controllo mentre sfrecciava con la sua Lexus in via Bruno Bruni. Allora non aveva con sé né il libretto di circolazione né il tagliando assicurativo ed era stato multato.

La risposta del legale di Marrazzo

L'ex governatore del Lazio Piero Marrazzo chiede i danni a Libero per l'articolo intitolato "Marrazzo ci ricasca". Il giornale diretto da Belpietro, secondo il legale di Marrazzo Luca Petrucci, ''conduce una campagna denigratoria che viola la dignità dell'uomo. Ho ricevuto l'incarico da Piero Marrazzo di procedere nei confronti del quotidiano Libero - dice Luca Petrucci - che, da oltre un anno, ha intrapreso una campagna denigratoria nei confronti di un cittadino che si è dimesso da un'importante carica pubblica senza aver commesso alcun reato e con l'unico fine di cancellarne l'immagine". Secondo il legale dell'ex governatore del Lazio: "Questo ulteriore vergognoso attacco viola, ancora una volta, i diritti fondamentali di un uomo gia' duramente colpito. Piero Marrazzo mi ha chiesto inoltre di presentare un esposto alla Procura della Repubblica, al fine di accertare la curiosa circostanza per la quale, un cittadino fermato dalle forze dell'ordine per un normale controllo in cui non è emersa alcuna irregolarità, trovi puntualmente pubblicazione di notizia sulla prima pagina del quotidiano di proprietà della famiglia Angelucci, al solo scopo di distruggerne definitivamente la sua vita e quella dei suoi cari". 'Il legale conclude: "La famiglia diffida chiunque ad azioni analoghe che abbiano come solo fine quello di omologare, sottintendere e paragonare vicende private e pubbliche di Marrazzo con gli attuali fatti di cronaca che riguardano il cosiddetto caso Ruby. A questo punto il mio assistito, uscendo dal riserbo, procederà immediatamente per vie legali nei confronti del quotidiano Libero e del suo direttore, nonché di tutti coloro che si sono già prestati a questo infame linciaggio, citando in giudizio chi, fin dall' inizio di questa vicenda, non ha rispettato le basilari regole dell'informazione".

Ultimo aggiornamento ore 18:21


Windows Live Condividi con Messenger
  • Condividi > 
  • Ok Notizie
  • Delicious
  • Digg
  • Twitter
  • Facebook
  • Google Bookmark
  • Badzu
  • Reddit
  • Technorati
  • Yahoo Bookmark
Pubblicità
IN PRIMO PIANO
context=|polymedia.skiptransform=true| 2009/12/29 cronaca true false normale false 30 NO mediavideo prova num1 blu ciao ciao blu true true true true 2010/01/07 Chi l’avrebbe mai detto&#160;che la prima esperienza dei ragazzi di <strong>"Amici" di Maria De Filippi </strong>sarebbe giunta ancor prima della conclusione del programma&#160;in onda su&#160;<strong>Canale 5</strong>? Sì, perché le giovani promesse che la trasmissione&#160; ogni anno sforna questa volta sono state spedite al <strong>Teatro Nazionale di Milano</strong>&#160;per vedere uno dei più riusciti musical del momento, "<strong>La Bella e la Bestia",</strong> ma non solo...&#160;Lì hanno&#160;anche&#160;incontrato&#160;l'intero cast prima dello spettacolo. true false false Chi l’avrebbe mai detto&#160;che la prima esperienza dei ragazzi di <strong>"Amici" di Maria De Filippi </strong>sarebbe giunta ancor prima della conclusione del programma&#160;in onda su&#160;<strong>Canale 5</strong>? Sì, perché le giovani promesse che la trasmissione! false gossip NO mediavideo mv: Amici a "La Bella e la Bestia" box: Amici a "La Bella e la Bestia" blu art: Amici a "La Bella e la Bestia" mv:ragazzi di Maria De Filippi a teatro box:ragazzi di Maria De Filippi a teatro blu art:ragazzi di Maria De Filippi a teatro true true true true normale false 30 normale 2010/01/12 cronaca true false prova box fotogallery NO mediavideo blu blu true true true true normale false 30 box_fotogallery 2010/01/15 true C_2_articolo_8_foto1.jpg false false L'allarme dell'ambasciata sui rischi per la salute è,&#160;per il secondo cittadino della città partenopea, "inopportuno, perché interviene ad emergenza superata". false gossip NO mediavideo SCUSE DAGLI USA SCUSE DAGLI USA blu La Iervolino contro l'ambasciata Rifiuti a Napoli, la Iervolino contro l'ambasciata blu true true true true Prova Fotog1 true prova Fotog 2 false Il video numero 1 true Aereo in decollo true normale false 30 normale 2010/01/15 true C_2_articolo_9_foto1.jpg La Suprema Corte ha ritenuto giustificato il licenziamento di un impiegato di Telecom. false cronaca NO mediavideo CASSAZIONE CASSAZIONE blu CASSAZIONE SMS da cellulare aziendale: licenziato Licenziato per SMS privati da cellulare aziendale rosso Licenziato per SMS privati da cellulare aziendale true true true true Cosa ne pensi? http://www.tgcom.it/sondaggi/ true La sentenza http://www.cassazione.it/ false normale false 30 normale Scene di guerriglia urbana con auto distrutte a Rosarno, nella Piana di Gioia Tauro, per la rivolta di alcuni lavoratori extracomunitari accampati in condizioni inumane in una fabbrica in disuso. A fare scoppiare la protesta il ferimento, da parte di ignoti, di alcuni extracomunitari con un'arma ad aria compressa. cronaca Immigrati aggrediti, rivolta a Rosarno<BR>La protesta in strada è ripresa oggi blu medio Immigrati feriti con colpi di armi ad aria compressa: scatta la protesta violenta rosso C_2_box28x12_1_foto1.jpg C_2_box28x12_1_foto2.jpg C_2_box28x12_1_foto3.jpg false false entrambi cronaca La rivolta http://www.tgcom.mediaset.it/cronaca/articoli/articolo470535.shtml false Le immagini della guerriglia http://www.tgcom.mediaset.it/fotogallery/fotogallery6516.shtml true cronaca/cronacaindex1 s28x12=1&id_zoom28x12=1&id_dilatua28x12=1 cronaca Milano, schianto in centro: un morto Foto di Milano <p>Cresce di giorno in giorno l'eco per gli scontri del fine settimana nel centro calabrese: il ministero degli Esteri egiziano chiede al governo di intervenire e promette di sollevare il caso</p> C_2_fotogallery_1_foto1.jpg C_2_fotogallery_1_foto2.jpg C_2_fotogallery_1_foto3.jpg cronaca prova num1 ciao ciao true

Home page di Cronaca