TGCOM

Cronaca

Tutte le ultim'ora

12/3/2010

Cucchi,volevano rianimarlo da morto

L'esito della commissione parlamentare

Nella notte tra il 21 e il 22 ottobre, il medico del reparto carcerario dell'ospedale Sandro Pertini di Roma cercò di rianimare Stefano Cucchi pur sapendo che era morto da circa tre ore. E' la conclusione della commissione parlamentare d'inchiesta sull'efficacia e l'efficienza del servizio pubblico nazionale sul decesso del 31enne, arrestato per spaccio 6 giorni prima e morto in circostanze oscure. Conclusioni opposte all'indagine giudiziaria.

Come riferisce il "Corriere della Sera", i due consulenti della commissione parlamentare, presieduta da Ignazio Marino, Vincenzo Pascali e Rodolfo Proietti, hanno fissato il decesso del giovane alle 3 del 22 ottobre 2009. "Pertanto - concludono - anche il medico che praticò le manovre di rianimazione tra le 6.15 e le 6.45 notando una rigidità dei muscoli del collo e dell'articolazione temporo-mandibolare, sapeva che il paziente era morto da tempo". 

I consulenti parlano poi di una relazione, redatta dai medici del Pertini, da inviare all'autorità giudiziaria, sulle preoccupanti condizioni di salute di Stefano. Relazione che però non fu mai spedita. Nè, "è mai stato disposto un monitoraggio continuo delle condizioni del paziente". Il giovane venne ricoverato che pesava 52 kg, quattro giorni dopo ne aveva persi ben 10 perché si rifiutava di nutrirsi e idratarsi finché non fosse stato messo in contatto con un avvocato.

La relazione parlamentare conclude poi che i traumi agli occhi, alla colonna vertebrale e al cocige, gli siano stati provocati poco prima di morire.

Elementi opposti ai risultati dell'inchiesta giudiziaria che parla di traumi precedenti all'arresto di Cucchi e, addirittura, uno dei quali, congenito. L'inchiesta del tribunale per ora è ferma in attesa di perizie mentre restano indagati per omicidio preterintenzionale per le presunte percosse tre agenti penitenziari e sei medici del Pertini per omicidio colposo.

La relazione della commissione parlamentare indica infine quattro punti da chiarire da parte della magistratura: chi ha provocato le lesioni a Stefano Cucchi? Perché è stato trasferito (una procedura anomala) nella struttura protetta del Pertini? Chi è responsabile di non aver autorizzato i colloqui del detenuto con un legale? Chi ha la responsabilità di non aver riconosciuto la gravità dello stato di salute del paziente e quindi di non averlo monitorato?

 

 

 


 


Ultimo aggiornamento ore 09:14


Windows Live Condividi con Messenger
  • Condividi > 
  • Ok Notizie
  • Delicious
  • Digg
  • Twitter
  • Facebook
  • Google Bookmark
  • Badzu
  • Reddit
  • Technorati
  • Yahoo Bookmark
IN PRIMO PIANO
context=|polymedia.skiptransform=true| 2009/12/29 cronaca true false normale false 30 NO mediavideo prova num1 blu ciao ciao blu true true true true 2010/01/07 Chi l’avrebbe mai detto&#160;che la prima esperienza dei ragazzi di <strong>"Amici" di Maria De Filippi </strong>sarebbe giunta ancor prima della conclusione del programma&#160;in onda su&#160;<strong>Canale 5</strong>? Sì, perché le giovani promesse che la trasmissione&#160; ogni anno sforna questa volta sono state spedite al <strong>Teatro Nazionale di Milano</strong>&#160;per vedere uno dei più riusciti musical del momento, "<strong>La Bella e la Bestia",</strong> ma non solo...&#160;Lì hanno&#160;anche&#160;incontrato&#160;l'intero cast prima dello spettacolo. true false false Chi l’avrebbe mai detto&#160;che la prima esperienza dei ragazzi di <strong>"Amici" di Maria De Filippi </strong>sarebbe giunta ancor prima della conclusione del programma&#160;in onda su&#160;<strong>Canale 5</strong>? Sì, perché le giovani promesse che la trasmissione! false gossip NO mediavideo mv: Amici a "La Bella e la Bestia" box: Amici a "La Bella e la Bestia" blu art: Amici a "La Bella e la Bestia" mv:ragazzi di Maria De Filippi a teatro box:ragazzi di Maria De Filippi a teatro blu art:ragazzi di Maria De Filippi a teatro true true true true normale false 30 normale 2010/01/12 cronaca true false prova box fotogallery NO mediavideo blu blu true true true true normale false 30 box_fotogallery 2010/01/15 true C_2_articolo_8_foto1.jpg false false L'allarme dell'ambasciata sui rischi per la salute è,&#160;per il secondo cittadino della città partenopea, "inopportuno, perché interviene ad emergenza superata". false gossip NO mediavideo SCUSE DAGLI USA SCUSE DAGLI USA blu La Iervolino contro l'ambasciata Rifiuti a Napoli, la Iervolino contro l'ambasciata blu true true true true Prova Fotog1 true prova Fotog 2 false Il video numero 1 true Aereo in decollo true normale false 30 normale 2010/01/15 true C_2_articolo_9_foto1.jpg La Suprema Corte ha ritenuto giustificato il licenziamento di un impiegato di Telecom. false cronaca NO mediavideo CASSAZIONE CASSAZIONE blu CASSAZIONE SMS da cellulare aziendale: licenziato Licenziato per SMS privati da cellulare aziendale rosso Licenziato per SMS privati da cellulare aziendale true true true true Cosa ne pensi? http://www.tgcom.it/sondaggi/ true La sentenza http://www.cassazione.it/ false normale false 30 normale Scene di guerriglia urbana con auto distrutte a Rosarno, nella Piana di Gioia Tauro, per la rivolta di alcuni lavoratori extracomunitari accampati in condizioni inumane in una fabbrica in disuso. A fare scoppiare la protesta il ferimento, da parte di ignoti, di alcuni extracomunitari con un'arma ad aria compressa. cronaca Immigrati aggrediti, rivolta a Rosarno<BR>La protesta in strada è ripresa oggi blu medio Immigrati feriti con colpi di armi ad aria compressa: scatta la protesta violenta rosso C_2_box28x12_1_foto1.jpg C_2_box28x12_1_foto2.jpg C_2_box28x12_1_foto3.jpg false false entrambi cronaca La rivolta http://www.tgcom.mediaset.it/cronaca/articoli/articolo470535.shtml false Le immagini della guerriglia http://www.tgcom.mediaset.it/fotogallery/fotogallery6516.shtml true cronaca/cronacaindex1 s28x12=1&id_zoom28x12=1&id_dilatua28x12=1 cronaca Milano, schianto in centro: un morto Foto di Milano <p>Cresce di giorno in giorno l'eco per gli scontri del fine settimana nel centro calabrese: il ministero degli Esteri egiziano chiede al governo di intervenire e promette di sollevare il caso</p> C_2_fotogallery_1_foto1.jpg C_2_fotogallery_1_foto2.jpg C_2_fotogallery_1_foto3.jpg cronaca prova num1 ciao ciao true

Home page di Cronaca