FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonneGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
DirettaCanale 51

Turchia: 38mila detenuti scarcerati per far posto ai 40mila fermati per il fallito golpe

"Non è unʼamnistia", ha precisato il ministro Bozdag. Dalla detenzione in una struttura carceraria passeranno a un regime di libertà considizionata. Intanto il premier turco traccia un bilancio degli arresti

Turchia: 38mila detenuti scarcerati per far posto ai 40mila fermati per il fallito golpe

Circa 38mila persone detenute nelle carceri turche saranno liberate nell'ambito di una riforma per il "rilascio monitorato". Lo ha fatto sapere il ministro della Giustizia. La misura viene attuata mentre il sistema penitenziario è sotto pressione a causa dell'ondata di arresti seguita al fallito golpe del 15 luglio. Secondo il premier Binali Yildirim, 40.029 persone sono state fermate e per 20.355 di loro è stato confermato l'arresto.

Il bilancio della repressione - Stando ai nuovi dati diffusi dal primo ministro, inoltre, 79.900 persone sono state rimosse da impieghi pubblici e 4.262 società sono state chiuse per legami con Gulen, ritenuto la "mente" del tentato golpe.

Il decreto del governo di Ankara - Il decreto governativo implica la scarcerazione anticipata per 38mila carcerati, sempre che non siano implicati nel tentato golpe del 15 luglio né in reati di terrorismo, omicidio o delitti lesivi della sicurezza dello Stato. "Non è un'amnistia", ha precisato il ministro Bozdag. Dalla detenzione in una struttura carceraria passeranno a un regime di libertà considizionata. La decisione arriva mentre le purghe lanciate dopo il tentativo di putsch portano quotidianamente nuovi sospettati in prigione, già circa 10mila.

La polizia turca ha inoltre fermato 17 giornalisti, tra cui un vignettista di nazionalità spagnola, in una retata contro il quotidiano Ozgur Gundem, noto per le sue posizioni filocurde e chiuso oggi in via "temporanea" per ordine di un tribunale.

Lo hanno fatto sapere fonti del giornale, la cui sede si trova vicino a piazza Taksim. Diversi computer sono anche stati sequestrati. Secondo il quotidiano Cumhuriyet, tra i 17 c'è il vignettista spagnolo Dogan Güzel, che si era trasferito oltre dieci anni fa in Europa a causa delle pressioni subite in Turchia.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali