FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Bradley Cooper e Irina Shayk separati ma... uniti per la custodia della figlia

La coppia, che si è separata poco più di un mese fa, sembra aver già trovato un accordo sulla condivisione della piccola Lea De Seine

Bradley Cooper e Irina Shayk sembrano intenzionati a comportarsi da bravi genitori. Stando a fonti vicine alla coppia, citate dal tabloid americano TMZ, i due si sarebbero già accordati per la custodia congiunta della figlia, Lea De Seine, di 2 anni.

Irina Shayk, single bellissima

Si tratterebbe di una condivisione esattamente al 50%, con possibili variazioni legate naturalmente agli impegni di lavoro reciproci. Bradely e Irina avrebbero anche deciso di vivere ambedue a New York, sebbene al momento abbiano in comune anche una casa a Los Angeles, per facilitare i loro compiti di co-genitori. Insomma non si riproporrà un secondo caso "alla Brangelina", con battaglie legali interminabili proprio sulla custodia dei figli. Tutt'altro. L'attore e la modella, che si sono lasciati poco più di un mese fa, dopo 4 anni, sembrano essere rimasti in rapporti più che amichevoli e concilianti: "Sono ben sincronizzati e in sintonia", riferisce una fonte vicina alla coppia.

Bradely Cooper e Irina Shayk al copolinea?

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali