FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Milano, primo trapianto di fegato da donatore a cuore fermo

Lʼintervento "record" è stato effettuato allʼOspedale Niguarda: speranza concreta per aumentare donazioni riducendo lʼattesa

Milano, primo trapianto di fegato da donatore a cuore fermo

Trapianto "record" all'Ospedale Niguarda di Milano: un uomo di 40 anni ha ricevuto un fegato "secondo una procedura mai utilizzata prima in Italia per questo tipo di organo". L'intervento è partito da "un donatore in arresto cardiaco", il che sta a significare "una possibilità concreta per aumentare il numero delle donazioni e abbattere i tempi d'attesa". Il trapianto, annuncia il Niguarda, è avvenuto lo scorso 3 settembre.

L'operazione ha coinvolto anche il Policlinico San Matteo di Pavia e il Centro Nazionale Trapianti. L'equipe del Niguarda rivela che si tratta di una "prima" che ha permesso l'utilizzo dell'organo anche dopo il prolungato periodo di assenza di attività cardiaca, 20 minuti secondo la legge italiana. "Intervallo - spiegano - che avrebbe potuto esporre gli organi a danni irreversibili e compromettere il buon esito del trapianto".

La procedura di "trapianto da donatore a cuore non battente" si differenzia dal protocollo tradizionale per il prelievo degli organi che si effettua su donatori in stato di morte cerebrale. In questo caso, invece, il decesso è stato dichiarato in seguito alla cessazione dell'attività cardiaca e il prelievo è stato effettuato dopo i "canonici" 20 minuti che concludono l'accertamento di morte. La difficoltà consisteva nel garantire l'ossigenazione post-mortem degli organi addominali del donatore, attuata per quattro ore grazie a delle particolari tecniche di circolazione extracorporea (ExtraCorporeal Membrane Oxygenation).

Quello dell'istituto Niguarda non è che l'ultimo esempio di una serie di trapianti e interventi record effettuati in Italia. Di recente, infatti, Milano e Torino sono diventate le "capitali" dei trapianti innovativi, registrando operazioni come il primo trapianto di bacino su malato oncologico, il primo caso di donatore samaritano o il primo trapianto di rene su paziente sveglio.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali