FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Financial Times: "Seconda ondata Covid è variante spagnola, la diffusione partita questa estate"

Uno studio internazionale mette sotto accusa il comportamento dei vacanzieri e dei mancati controlli negli aeroporti. Il ceppo trovato in mezza Europa è quello identificato in Spagna

Coronavirus nel Lazio: incremento di 1.035 posti letto per Covid 

"Incremento di 1.035 posti letto a disposizione del Covid per un totale di 2.518 posti letto di cui 503 di terapie intensive e sub intensive". Lo ha confermato l'assessore regionale alla Sanità Alessio D'Amato. "Richiesta disponibilità anche a strutture accreditate - ha aggiunto D'Amato -. Diventa ospedale multidisciplinare anche con funzioni Covid il San Filippo Neri (120 posti), aumenta la capacità del Policlinico Umberto I e Spallanzani rispettivamente 274 e 278 posti letto. Il Covid Columbus 259 posti". 

Una variante del coronavirus che ha avuto origine nei lavoratori agricoli spagnoli si è diffusa rapidamente in gran parte dell'Europa dall'estate e ora rappresenta la maggior parte dei nuovi casi di Covid-19 in diversi paesi, compreso l'80% nel Regno Unito, riferisce il Financial Times . Un team internazionale di scienziati che ha seguito il virus attraverso le sue mutazioni genetiche ha descritto la straordinaria diffusione della variante, chiamata 20A.EU1, in un documento di ricerca pubblicato in queste ore.

Colpa dei vacanzieri e dei mancati controlli in aeroporto - Il lavoro dei ricercatori suggerisce che le persone di ritorno dalle vacanze in Spagna hanno svolto un ruolo chiave nella trasmissione del virus in tutta Europa, sollevando dubbi sul fatto che la seconda ondata che sta investendo il continente possa essere stata ridotta migliorando lo screening negli aeroporti e in altri hub di trasporto.

 

LEGGI ANCHE > I numeri del coronavirus in Italia: altri 26mila positivi

 

Ogni ceppo del virus ha una firma - Una variante del coronavirus che ha avuto origine nei lavoratori agricoli spagnoli si è diffusa rapidamente in gran parte dell'Europa dall'estate, e ora rappresenta la maggior parte dei nuovi casi di Covid-19 in diversi paesi e oltre l'80% nel Regno Unito. Un team internazionale di scienziati che ha monitorato il virus attraverso il suo file mutazioni genetiche ha descritto la straordinaria diffusione della variante, denominata 20A.EU1, in un documento di ricerca che sarà pubblicato giovedì.

 

LEGGI ANCHE > La mappa del contagio: i grafici

 

Il loro lavoro suggerisce che le persone di ritorno dalle vacanze in Spagna hanno svolto un ruolo chiave nel trasmettere il virus in tutta Europa, sollevando dubbi sul fatto che la seconda ondata che sta investendo il continente avrebbe potuto essere ridotta migliorandola screening presso aeroporti e altri nodi di trasporto.

 

Ogni variante ha una propria firma genetica e permette di stabilire qual è il luogo di origine del virus. "Dalla diffusione di 20A.EU1, sembra chiaro che le misure di prevenzione dei virus sul luogo non sono state sufficienti per fermare la trasmissione", ha detto Emma Hodcroft, genetista evolutiva dell'Università di Basilea e co-autrice dello studio in fase di pubblicazione per il controllo da parte della comunità scientifica.

 

Coronavirus, cosa fare nei casi sospetti

 

I ricercatori svizzeri e spagnoli stanno accelerando i controlli per capire se questa variante sia più letale ed infettiva degli altri ceppi. La dottoressa Hodcroft, dice il Financial Times,  ha sottolineato che la variante 20A.EU1 è diversa da tutte le altre versione di Sars-Cov-2 incontrate in precedenza. "Non ne avevo visti con questo tipo di dinamica, dobbiamo ancora capire se ha una particolare mutazione, nella proteina spike, quella usata dal virus per entrare nelle cellule umane e che potrebbe alterarne il comportamento".

 

Necessari studi per trovare le varianti - Tutti i virus sviluppano mutazioni, quella più aggressiva finora del Sars-Cov-2 è stata chiamata D614G, ed è quella più contagiosa. Joseph Fauver, un epidemiologo genetico dell'Università di Yale sentito da FT, non coinvolto in questa ricerca, ha affermato: "Abbiamo bisogno di più studi come questo per trovare mutazioni e capire come aumenta la velocità di trasmissione".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali