FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Armani e la moda dopo il coronavirus: dagli errori rinascerà bellezza

Donazioni e riconversioni in tempi record: il dinamismo e la capacità di reazione del Made in Italy non sono secondi a nessuno

La crisi imporrà di dare un taglio e sarà traumatico. Ma, forti della creatività e del valore del made in Italy, si potrà fare tesoro pure di questa esperienza che ci sta profondamente segnando. L’emergenza coronavirus, la quarantena forzata e il lockdown stanno infatti incidendo pesantemente anche su un settore importantissimo come quello della moda, che conta milioni di addetti ed è una delle voci più importanti del Pil. Alla fine, si aprirà una fase nuova, è sarà un bene. Come dimostrano anche le riflessioni nate dalle parole che Giorgio Armani ha affidato a una lettera aperta a WWD, ‘la Bibbia del fashion’ Usa.

Un ritratto di Giorgio Armani (courtesy of Giorgio Armani)
 

LA LETTERA DI ARMANI - Sovrapproduzione, consumismo sfrenato, ritmi sostenuti sono tra i grandi mali della moda, secondo Giorgio Armani. Il futuro potrebbe perciò dare spazio a nuove opportunità, per riguadagnare “una dimensione più umana”, ha sottolineato. “L’emergenza in cui ci troviamo dimostra che l’unica via percorribile sia un attento e ragionato rallentamento - ha scritto lo stilista -. La crisi è un’opportunità per ridare valore all’autenticità: basta con la moda fatta solo di comunicazione, basta con le sfilate cruise in giro per il mondo per presentare idee mediocri e intrattenere con show grandiosi che oggi appaiono come fuori luogo, e pure un po’ volgari. Sprechi di denaro che inquinano e sono verniciate di smalto sul nulla (...). Il momento che stiamo attraversando è turbolento, ma offre anche un’opportunità unica di sistemare ciò che nel sistema è sbagliato. (…) Uniti ce la faremo, ma dobbiamo restare compatti e lavorare in armonia. Questa è forse la lezione più importante che possiamo imparare da questa crisi".


L’UNIONE FA LA FORZA – Giorgio Armani è stato tra i primi a effettuare donazioni a favore degli ospedali e della Protezione civile. Il primo a chiudere i suoi negozi e l’hotel a Milano per contrastare il rischio dei contagi, in anticipo sulla decisione del governo. Sempre tra i primi ad avviare la produzione di mascherine e camici per il personale sanitario nei suoi stabilimenti. Anche molti altri designer, imprenditori del settore dell’abbigliamento e del beauty (con la produzione di gel igienizzanti) lo hanno fatto e lo stanno facendo, mostrando al mondo intero che il dinamismo e la capacità di reazione delle aziende italiane non sono secondi a nessuno. “Un miracolo del made in Italy”, lo ha definito lo stesso commissario straordinario Domenico Arcuri. Altro che regno di frivolezze: nella moda andrà tutto ripensato. Usciti da questo incubo, ci sarà una grande voglia di ripartire. E, di sicuro, un gran bisogno di bellezza. 
 

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali