FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Coronavirus, Giorgio Armani scrive ai medici: “Impegno commovente”

Lo stilista è anche tra i primi grandi nomi ad aver effettuato una donazione a sostegno di ospedali e Protezione civile

“È commovente vedervi impegnati nel vostro lavoro con le difficoltà e i grandi sforzi che ormai tutto il mondo conosce. E soprattutto vedervi piangere. Credo che questo sentimento si colleghi al mio desiderio di intraprendere la carriera di medico quando ero giovane e cercavo una mia strada. Tutta la Giorgio Armani è sensibile a questa realtà ed è vicina a tutti voi: dal barelliere all’infermiera, dai medici di base a tutti gli specialisti del settore. Vi sono personalmente vicino. Giorgio Armani”.

Lo stilista ha scelto la formula della lettera per dare il suo segnale di vicinanza al personale medico e sanitario in prima linea nella lotta al coronavirus. È anche tra i primi grandi nomi ad avere effettuato una donazione a sostegno degli ospedali e a supporto dell'attività della Protezione civile. È stato, inoltre, tra i primi a chiudere i suoi negozi, ristoranti e hotel a Milano già all'inizio dell'emergenza, per prevenire il più possibile la crescita dei contagi e il primo, durante l'ultima Fashion week, a scegliere la formula della sfilata a porte chiuse, lo scorso 23 febbraio.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali