FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Linguaggio del corpo: i piccoli gesti che parlano di te

Possiamo mentire a parole, ma non con le nostre posture e con i movimenti: ecco a cosa prestare attenzione, in noi stessi e negli altri

Il corpo non mente. O almeno lo fa con grande difficoltà e può tradire i nostri veri pensieri e aspirazioni. Ecco perché è importante imparare a leggere i segnali non verbali che ci arrivano dai nostri simili ed essere consapevoli il più possibile di quelli che inviamo noi. Ricordiamo però che è abbastanza facile controllare le parole, ma la gestualità e la postura sono in gran parte legati al subconscio e quindi sono molto difficili da pilotare. Qualcosa però si può fare, tenendo presente che, in amore come sul lavoro o con gli amici, è impossibile non comunicare.

Senza parole: quando il corpo parla per te

I MESSAGGI – Innanzi tutto rassegnamoci: non è facile mettere a tacere il nostro corpo. Basta una semplice stretta di mano per rivelare tante cose di noi. A proposito: anche questo semplice gesto di saluto ha le sue regole: deve essere fatto a mano aperta cpon il pollice rivolto in su e saldo, senza stritolare la mano dell’altro. Cerchiamo di proporci agli altri nel modo il più possibile sereno e positivo, possibilmente armati di sorriso: questo è il primo passo per trasmettere un’immagine gradevole di noi stessi, come persona aperta, simpatica e sicura di sé, senza arroganza. Anche se abbiamo qualche preoccupazione sull’esito dell’incontro, che sia amoroso o di lavoro, la cosa più importante è controllare l’agitazione. Se riusciamo a mantenerci tranquilli eviteremo di tradirci con ammiccamenti, sudorazione esagerata, eccessivi movimenti delle mani e della testa, o addirittura tormentando le ciocche di capelli, mordicchiando le labbra e altri tic del genere. Insomma, il modo migliore per apparire sereni è sforzarsi di esserlo per davvero.

QUESTIONE DI SGUARDI – Il contatto visivo è fondamentale. Se evitiamo lo sguardo dell’interlocutore o se volgiamo gli occhi altrove, daremo l’impressione di essere sospettosi, o poco interessati, o anche poco fiduciosi in noi stessi. Se poi ci troviamo davanti a una persona che ci interessa in senso sentimentale, il gioco degli sguardi è cruciale: il fatto di chinare le palpebre per qualche istante, o di voltare appena la testa come per osservare l’altro di sottecchi, magari con un sorriso appena accennato e con un battito di ciglia è uno dei più classici giochi di seduzione.

LA POSTURA – E’ il modo in cui si parla con tutto il corpo. Incrociare le braccia davanti al petto è un segnale di chiusura e di difesa estrema: in linea di massima è un gesto da evitare il più possibile. Meglio appoggiare le mani in grembo, se si è seduti, senza far notare che magari stiamo stringendo le dita mentre contiamo fino a dieci per mantenere la calma. Oppure si può appoggiare una mano su un ginocchio e l’altra al tavolo. Soprattutto nei rapporti formali, ad esempio durante un colloquio di lavoro, è importante mantenere una postura eretta e “vitale”: mostrarsi afflosciati o seduti in maniera scomposta trasmette una pessima impressione. Mentre il nostro interlocutore parla, dobbiamo mantenere una posizione di ascolto attivo, con il busto eretto e lo sguardo attento. Proibito abbandonarsi allo schienale e lasciar vagare lo sguardo: daremmo l’impressione di essere annoiati e poco interessati.

E SE C’E’ IL CUORE DI MEZZO – Il linguaggio del corpo è importantissimo nel lanciare messaggi di seduzione e nel comprendere in che modo l’altro reagisce ai nostri richiami. Di solito l’istinto dà una mano importante: come abbiamo detto sopra, i segnali corporei sono per la maggior parte inconsapevoli. Quando una persona nutre un interesse per un’altra, tenderà ad avvicinarsi fino a entrare nel suo spazio personale, cercherà (inizialmente con cautela) di entrare in contatto fisico, magari sfiorando un braccio o una mano. Per mostrare il proprio interesse a un uomo, una ragazza di solito giocherella con i capelli, oppure con un anello o un altro gioiello, o anche con il colletto della camicia o con un lembo del vestito. Lui invece si sfiora una tempia, annuisce spesso, si sporge in avanti con il corpo per avvicinarsi a lei, annuisce ripetutamente alle sue parole, alza un sopracciglio in segno di consenso, mostra interesse e sensibilità. Quando l’attrazione è scattata, la pupilla può apparire dilatata. A questo, non resta che lasciar parlare la chimica.

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali