FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Quinoa, la pianta amica dei celiaci... e non solo!

Ecco quel che cʼè da sapere sullo pseudocereale dal sapore delicato, ricco di proteine e privo di glutine, che arriva dal Sud America

Impiegata anche nella alimentazione degli astronauti, la quinoa ha un alto contenuto di amido - e per questo motivo spesso aassociata ai cereali - ha caratteristiche nutrizionali a dir poco eccellenti: ecco perché è definita "super alimento". Indicata per chi è intollerante al glutine, è ottima anche per chi vuole controllare il proprio peso. Scopriamo insieme le mille virtù di questa pianta che gli Inca chiamavano la "madre di tutti i semi".

Quinoa, la pianta amica dei celiaci... e non solo!

Quinoa: alzi la mano chi di noi non ne ha sentito parlare almeno una volta. Ormai sta diventando parte della nostra tavola a buon diritto, la troviamo al supermercato insieme a legumi secchi e ad altri semi dalle proprietà nutrizionali interessanti.
Buona e gustosa, è anche divertente, con tutti quei pallini colorati, e croccante quando la si mangia: accompagna perfettamente le insalate, con la frutta, ma è ottima anche da sola o in preparazioni alimentari con le carni bianche.

Priva di glutine, la quinoa ha ancora più proteine del frumento e persino del grano saraceno, è ricca di acidi grassi mono e polinsaturi e di sali minerali come il potassio, il magnesio, il calcio, il ferro, lo zinco e il fosforo; contiene la vitamina E, prezioso antiossidante protegge gli ed è molto ricca di acido folico, che come sappiamo è importantissimo per le donne in gravidanza

I benefici della quinoa per la nostra salute sono davvero tanti, proviamo a vederne alcuni.

Niente glutine, grazie: i semi macinati della quinoa forniscono una farina contenente prevalentemente amido: ecco perché questa pianta viene classificata come cereale anche se non fa parte delle graminacee. Si distingue da altri pseudocereali, come il grano saraceno, l'amaranto e la chia, per l'alto contenuto proteico e per la totale assenza di glutine.

Bye bye colesterolo: le fibre contenute nella quinoa regolano il colesterolo cattivo e abbassano la pressione sanguigna, riducendo così il rischio di disturbi cardiocircolatori.

Buco nello stomaco, addio: la quinoa, grazie alla farina integrale e alle fibre, ha un altissimo potere saziante oltre ad abbassare il livello di colesterolo e zuccheri nel sangue. Ottima quindi per allontanare gli attacchi di fame nervosa e per contrastare la voglia di trasgressione quando decidiamo di metterci a dieta.

Mai più mal di testa: la quinoa contiene anche la vitamina B12, utile nel prevenire l’emicrania, mentre le saponine (che solitamente vengono eliminate nel processo di lavorazione e di riduzione a uso alimentare), sono fondamentali per la cura delle lesioni delle pelle.

Guerra ai radicali liberi: la quinoa è stata studiata in ambito cosmetico. Alcuni ricercatori hanno scoperto le proprietà esfolianti dell’estratto ricavato dal pericarpo della quinoa, ossia della sua parte esterna, considerato un elemento di scarto non utilizzabile, ma ricco di saponine e polifenoli, che agiscono sulla salute della pelle contro l'invecchiamento cellulare.

Su di morale: grazie alla presenza di lisina, la quinoa ha anche proprietà antidrepressive e tiene lontane ansia, malinconia e tristezza. La lisina infatti stimola il rilascio di serotonina, il neurotrasmettitore noto anche come "ormone del buonumore".

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali