FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Che lavoro vuoi fare da grande? La parrucchiera!

Oltre ad essere un mestiere affascinante e creativo, offre ai giovani grandi opportunità di realizzazione

Che lavoro vuoi fare da grande? La parrucchiera!

Per molti è una vocazione, per altri è un colpo di fulmine: di cosa stiamo parlando? Di una professione che piace tanto ai giovani: la parrucchiera. Secondo un'indagine, infatti, emerge che per 3 italiani su 5 quesro lavoro offre grandi opportunità occupazionali. E la percentuale sale al 67% tra chi svolge professioni ben retribuite. Il mestiere di parrucchiere, inoltre, piace agli italiani perché è creativo (per più del 90% del campione), affascinante (quasi il 74% del campione) e allo stesso tempo permette di mettersi in proprio (più dell’80% del campione).

E’ il mercato più importante della bellezza professionale in Italia ed è ai primi posti in Europa, prima di quello francese e inglese. Sono i dati presentati da L’Oréal Italia Prodotti Professionali, che fotografano un mercato vitale e con una significativa rilevanza sul Pil nazionale. Eppure sono pochi gli italiani che lo sanno. Dall’Indagine Eumetra Monterosa “I mestieri emergenti: la professione del parrucchiere”, emerge infatti che poco più del 50% degli italiani è al corrente della rilevanza economica del settore.

“La coiffure è il primo mercato della bellezza professionale”, ha spiegato Antonio Martinez-Rumbo, Direttore Generale di L’Oréal Italia Prodotti Professionali, “La nostra mission, come leader del settore, è rivolta alla valorizzazione e alla modernizzazione della professione. Ricerca e innovazione, formazione eccellente e continua, digitalizzazione dei saloni sono i pilastri della nostra strategia. L’obiettivo è di favorire la crescita e il diffondersi delle capacità creative e manageriali dei parrucchieri, a cominciare dai più giovani, per rendere questo settore sempre più apprezzato e produttivo”.

E i livelli di gradimento aumentano se dall’indagine demoscopica ci si sposta su quella rivolta a sondare le opinioni dei parrucchieri sul loro mestiere. L’86% dei parrucchieri adulti è molto soddisfatto della propria professione e la percentuale sale a oltre il 90% nei giovani. La dimensione creativa e quella sociale della professione sono ai primi posti delle preferenze dei giovani mentre per gli adulti, oltre alla componente creativa, è presente anche quella legata alla sicurezza economica e familiare. Tra i contro del mestiere, invece, al primo posto sia per i giovani sia per gli adulti emerge lo scarso prestigio legato alla professione mentre le prospettive di guadagno sono solo al quarto posto. 

“Questo risultato ci conferma che le nostre iniziative e il nostro impegno stanno andando nella giusta direzione” sottolinea Antonio Martinez-Rumbo, “l'azienda ha sempre puntato sulla formazione, perché si tratta di una leva determinante per valorizzare la professione e migliorare la qualità del servizio offerto. Si è da poco concluso il primo anno del corso di formazione superiore dedicato ai parrucchieri, che abbiamo realizzato in collaborazione con lo IAAD, una delle più prestigiose Università del design in Italia e nel mondo. E sul fronte della formazione continua le nostre Accademie solo nel 2015 hanno erogato 1.400 corsi di formazione per un totale di 66.000 contatti formativi”.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali