FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Tradimenti vacanzieri: come affrontarli senza soffrire troppo

C'è chi perdona e chi non riesce a passarci sopra: in ogni caso, mai lasciarsi sopraffare

È uno sgradevole “effetto collaterale” che a volte l’estate porta con sé, specie se si fanno vacanze separate: quando ci si ritrova alla fine delle ferie ci accorgiamo che con il nostro partner “qualcosa non va”: durante le ferie lui si è concesso qualche esperienza di troppo, ma non è stato abbastanza bravo da nasconderne completamente i segni. Come comportarsi? Non esistono ricette valide per tutti: l’impatto nello scoprire un tradimento è duro e traumatico, e ciascuno reagisce a modo proprio. L’unica indicazione che può valere per tutti è che non dobbiamo lasciarci sopraffare dalla scoperta: occorre accettare la situazione come un dato di fatto e trovare il modo per andare avanti. 

UN ESAME DI COSCIENZA – La ragione per cui si è creata questa dolorosa situazione è un problema cruciale: il nostro rapporto era già traballante e un incontro irresistibile è stato solo il passo finale che ha fatto cadere un castello di carte fragile e malfermo? Oppure si è trattato di un fulmine a ciel sereno? E quale importanza ha la nuova storia per il nostro lui? Se si tratta di una scappatella di poca importanza e lui è sinceramente pentito e pronto a fare ammenda, possiamo provare a fare lo sforzo di perdonare e passarci sopra: dl resto, si sa, gli amorini estivi hanno di solito vita breve. Se la storia invece è importante e coinvolge sentimenti profondi, è il caso di ripensare seriamente a tutto il rapporto. Lo stesso vale se il tradimento è un “vizietto” che tende a ripresentarsi: in questo caso non si tratta di un episodio sporadico e circoscritto, ma di un patto di fiducia che viene messo in discussione in modo sistematico e continuo. È anche il segnale che qualcosa di importante non funziona: sta a ciascuno scoprire di che si tratta e se c’è un modo per porvi rimedio. 

 

I NOSTRI SENTIMENTI – Qualunque sia l’esito del nostro esame di coscienza, il dolore e il senso di frustrazione non cambieranno. E abbiamo tutte le ragioni: il nostro partner ha rotto un patto di fiducia nei nostri confronti e i sentimenti dolorosi e di rabbia hanno una totale giustificazione. Prendiamoci dunque qualche tempo per assorbire l’impatto e confrontarci con quello che proviamo. Inutile negare la realtà e cercare di fingere che non sia avvenuto niente: anche se decidiamo di mantenere il silenzio e di rivelare al partner che lo abbiamo scoperto, nel nostro cuore le cose non saranno più come prima. In un momento tanto complesso e faticoso, concediamo a noi stesse di dare l’assoluta precedenza a quello che serve a noi: scegliamo di tacere se questo ci aiuta a recuperare la calma e il controllo, oppure cerchiamo la compagnia di qualcuno a cui siamo affezionate e per cui proviamo fiducia. Siamo accondiscendi nei confronti dei nostri bisogni, a partire dal bisogno di sfogare una giusta collera. 

 

I PASSI DA FARE – Se siamo certe del tradimento e lui sembra pronto ad ammetterlo, potrebbe essere una sottile punizione impedirgli di confessarlo. Ammettere le proprie colpe potrebbe servire a liberargli la coscienza e ad alleggerire il suo senso di colpa: meglio lasciarlo cuocere “nel suo brodo” per un po’. Questo tempo potrebbe servire a noi per valutare la gravità della situazione e prendere le nostre contromisure, ad esempio decidendo se passare sopra alla cosa o scegliere di troncare. Appena siamo in grado di gestire le nostre emozioni è indispensabile però avviare un dialogo serio e costruttivo: solo in questo modo potremo capire se ci sono i presupposti per fare continuare il rapporto e se siamo disposte a questo passo.  

 

LE COSE DA EVITARE – Facciamo tutto il possibile per proteggere noi stesse e per evitare di soffrire più dello stresso necessario. Affidiamo i nostri pensieri a uno stretto numero di confidenti (l’ideale è uno, massimo due), per avere una spalla a cui appoggiarci e un contradditorio sereno: meglio non dare troppa pubblicità alla cosa per evitare di trasformare un incidente di percorso in un pettegolezzo. No anche alla maldicenza sui social: i post pieni di insulti e di rabbia fanno male innanzi tutto a noi stesse e sono una vendetta da cui si trae poca gioia e molto imbarazzo. Se decidiamo di troncare il rapporto, blocchiamo i contatti del nostro ex e dei suoi amici ed evitiamo di consultare le pagine che ci riportano troppo da vicino alla nostra storia finita male. 

 

VOLTARE PAGINA – Se, dopo un dialogo chiarificatore, abbiamo deciso di perdonare, voltiamo pagina il più in fretta possibile e cerchiamo di riprende la nostra vita normale, meglio se su presupposti diversi e più solidi. Lo stesso vale se, al contrario, abbiamo scelto la via della separazione: chiudiamo il capitolo nel modo più netto possibile, cerchiamo di cambiare le nostre prospettive, a cominciare dai luoghi e dalle persone che frequentavamo insieme al nostro ex e che ci farebbero avvertire in modo più cocente il dispiacere della perdita. Dedichiamoci a cose diverse, immergiamoci nel lavoro o in qualche attività coinvolgente e, magari, regaliamoci un nuovo look con un bel taglio di capelli e qualche abito nuovo che ci faccia sentire belle: l’unico ruolo da rifiutare è quello della persona abbandonata e infelice, incapace di reagire.  

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali