FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Coppia: dieci cose da fare per riportare la pace dopo un litigio

L'amore spesso è un po' litigarello, ma nel sereno si vive meglio. Anche ai tempi del coronavirus

Coppia: dieci mosse per fare la pace

L’epidemia di coronavirus ci sta chiudendo in casa e la coabitazione stretta, magari unita alle difficoltà e alle tensioni di questo difficile momento, non aiuta ad essere sereni. Mai come in questi momenti occorre unire le forze e sentirsi vicini ai nostri cari, anche se ci piacerebbe in qualche momento poter pensare un po’ più a noi stessi: per questo, se abbiamo avuto qualche motivo di discussione con il nostro partner, cerchiamo di far tornare il sereno il più rapidamente possibile. 

SE SIAMO LONTANI – La necessità di mantenerci a distanza e di far circolare il virus meno possibile, ha di fatto separato le coppie che non vivono insieme. In questo caso, non c’è nulla da fare: le visite alla dolce metà sono proibite dalle norme di quarantena e violarle è fuori discussione. Utilizziamo allora chiamate e video chiamate, e aspettiamo con pazienza che la bufera passi. Se abbiamo litigato, il fatto di avere lo spazio personale per ripensare a tutto con calma ci aiuterà a trovare le parole giuste per riavvicinarci.  


CONVIVENZA STRETTA – Il fatto di essere sempre chiusi in casa e alle prese con l’ansia e con le complicazioni della coabitazione forzata possono acuire tensioni e stress. Cerchiamo di non trasformare il partner nel capro espiatorio delle nostre paure e di essere tolleranti quando è lui ad essere teso e preoccupato.  Ricordiamo che, mai come in questo momento, bisogna stringerci ai nostri affetti più veri.  


MI DISPIACE – Sono due paroline quasi magiche che possono risolvere molte situazioni. Anche se siamo certi (o quasi) di avere ragione, lo scontro ha portato comunque tristezza e disagio. Di questo possiamo essere sinceramente dispiaciuti a prescindere da chi alla fine si accollerà il torto della disputa. 


CHE NE PENSI? – Se in una discussione, non solo amorosa, ci siamo concentrati solo su noi stessi e sulla volontà di far prevalere la nostra opinione, occorre fare marcia indietro e lasciare spazio all’altro. Per segnalare la nostra intensione di metterci finalmente in ascolto, la domanda giusta è “Che ne pensi?” o “Che faresti?”. Ovviamente, si tratterà poi di dare spazio alla risposta. 


UN PO’ DI DOLCEZZA – Spesso si ottiene molto di più con la dolcezza e con il sorriso che con un’azione diretta e di punta. Per aprire la strada alla riconciliazione può essere utile, al momento giusto, un piccolo dono, o una coccola inattesa o ancora, uno spunto per una risata. 


LACRIME E BACI - Sono molte le coppie che fanno fuoco e fiamme e poi risolvono tutto in un fiume di lacrime e in un'ardente riconciliazione. Gli sfoghi emotivi sono comprensibili, ma raramente risolvono le cose. Facciamo la pace e poi, con calma e razionalità, ripercorriamo la lite e risolviamo, se è possibile, le problematiche che stavano alla base dello scontro. 


EVITIAMO DI TENERE IL BRONCIO - Le ripicche e i musi lunghi non sono mai una bella cosa: se poi, come in questo momento, abbiamo poche opportunità di sfogare fuori casa il malumore, meglio non cedere alla tentazione del muso lungo. No quindi alle ripicche e non aspettiamo che l'altro "ci arrivi da solo": potrebbero occorrere settimane. Meglio una spiegazione franca e pacata, per far tornare subito il sereno.


TENIAMO FEDE ALLE COSE IMPORTANTI – Il momento che stiamo vivendo è difficile e particolare: mai come adesso dobbiamo focalizzare l’attenzione sulle cose davvero importanti della vita. Unire le forze e spalleggiarsi a vicenda è di importanza fondamentale per non perdere la serenità e affrontare i disagi quotidiani. Aggrappiamoci alle cose belle e sorvoliamo su tutto il resto. 


UN PO’ DI TOLLERANZA – È vero che siamo chiusi tra quattro pareti a e mantenere un po’ di ordine e di comfort in casa è indispensabile. Ma non trasformiamo l’ordine e la pulizia in un pensiero ossessivo: l’importante è mantenere tutto igienizzato il più possibile, poi, se restano i giochi dei bambini sul tappeto o il divano un po’ sottosopra, non muore nessuno. 


NON SOTTOVALUTIAMO LA CUCINA – Suor Germana, la religiosa autrice delle celebri agende, deceduta pochi giorni fa, diceva spesso che le sue ricette di cucina avevano salvato molte coppie in crisi. Ora che siamo costretti a cenare a casa, riscopriamo il piacere di consumare insieme qualche buon piatto, che avremo magari preparato a quattro (o più) mani. In fondo, cibo e amore da sempre vanno a braccetto. 

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali