FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

"Radici", un libro sulla cucina come vocazione

Parla d’amore, viaggi e cibo il romanzo scritto da Chiara Canzian e Sandro Cisolla, dal quale è tratta la ricetta al profumo d’Oriente che vi proponiamo: Zuppa di Curry con Noodles Fritti

"Radici", un libro sulla cucina come vocazione
Foto credits: ®Giulia Fedel/Archivio Electa

«“Chiara! Vieni qui che facciamo i biscotti”. La voce della mia mamma riecheggiava sicura e piacevole dalla cucina ed io non mi facevo attendere. Così, impastavo e cantavo, cantavo e impastavo…ad oggi non è cambiato poi tanto. C’è chi dice che nella vita, per fare bene qualcosa, sia necessario concentrarsi solo su questa escludendo tutto il resto». È con queste parole che si presenta Chiara Canzian, figlia di Red Canzian dei Pooh, sul suo blog che porta lo stesso nome del suo ultimo libro: “Radici”, in libreria dal 26 febbraio, edito da Rizzoli, e scritto a quattro mani con il fidanzato Sandro Cisolla, musicista, scrittore e copywriter. E in effetti Chiara il flusso delle sue passioni lo ha sempre seguito senza riserva. Dapprima la musica, poi la cucina.

Dopo aver raccolto consensi e riconoscimenti grazie alla sua bella voce, inciso diversi album e partecipato, a soli 18 anni, al Festival di Sanremo, nel 2013 la sua vita professionale si è aperta anche al mondo della cucina vegana e vegetariana. Prima l’esperienza nel ristorante stellato milaneseJoia di Pietro Leemann, poi l’apertura del suo ristorante “Buns Gourmet Burger” a Verona, regalano a Chiara la fiducia e la sicurezza che la cucina può rappresentare un altro valido percorso di vita e che lei può passeggiare con gioia tra cucina, musica, e arte in generale. La consacrazione dietro ai fornelli arriva nel 2017, grazie al libro di ricette “Sano Vegano Italiano”, che vede la partecipazione di suo papà Red, e all’apertura di Radici, il suo blog di cucina.

Radici, la sua ultima fatica letteraria, è un libro particolare perché è un romanzo che al tempo stesso è anche un libro di cucina: le esperienze di viaggio della protagonista, i cibi che assaggia e prepara, si trasformano infatti in gustose ricette vegetariane illustrate. Protagonista è Camilla, una ragazza alla ricerca di sé stessa che, durante un viaggio dal Veneto al Sud-est asiatico, arriverà a scoprire l’amore e la sua vocazione per la cucina. Attraverso luoghi, incontri e sapori lontani, Camilla giungerà alle proprie “radici”.

E profuma proprio d’Oriente la ricetta di Chiara Canzian che vi proponiamo di seguito: Zuppa di Curry con Noodles Fritti.

Ingredienti - Per il curry: 1 peperoncino intero essiccato; 2 scalogni piccoli; 2 spicchi d’aglio; 1 gambo di lemongrass; 1 scorza di lime; 2-3 cm di radice di curcuma; 2 fettine di radice di zenzero; 1 cucchiaino di semi di coriandolo; 6 baccelli di cardamomo verde (solo i semi); un pizzico di sale; il succo di un lime
Per la zuppa: 200 g di tagliatelline all’uovo asiatiche; 500 ml di olio di semi di arachide; 2 lattine di latte di cocco (non agitarle prima dell’uso); 200 ml di brodo vegetale classico; 1 cucchiaio di salsa di soia; 2 cucchiai di zucchero di canna; 100 g di tempeh; 2 cucchiai di salsa di tamarindo; un pizzico di sale; 1 cipollotto; 1 lime

Procedimento - Per il curry: Mettete il peperoncino, lo scalogno, l'aglio, il lemongrass, la scorza di lime, la curcuma, lo zenzero, i semi di coriandolo e il cardamomo al centro di un foglio di alluminio resistente. Ripiegate i bordi e coprite con un altro foglio di alluminio per creare una busta rigida. Posizionatela direttamente sul fondo di un wok o di una padella di ghisa e riscaldate a fuoco alto, girando di tanto in tanto, fino a che non esce del fumo, per circa 10 minuti. Lasciate raffreddare leggermente il contenuto e trasferitelo in un mortaio. Aggiungete il sale e macinate con il pestello fino a formare una pasta molto liscia: saranno necessari circa 10 minuti. Aggiungete il succo del lime e continuate a mescolare. Mettete quindi da parte la miscela di pasta di curry. Se non avete un mortaio potete utilizzare un robot da cucina per frullare e amalgamare gli ingredienti.
Per la zuppa: Separate un quarto delle tagliatelle e lessatele per 1 minuto in acqua bollente, scolatele e asciugatele bene. Scaldate l'olio in un wok o in una casseruola dal fondo spesso, a fuoco alto. Versate, pochi alla volta, i noodles nell’olio e friggeteli, mescolando fino a doratura. Trasferiteli quindi su un piatto rivestito con carta da cucina e conditeli con un pizzico di sale. Eliminate l’olio utilizzato per la frittura e in una padella, o nel wok, aggiungete il grasso cremoso che si deposita nella parte superiore delle lattine di latte di cocco. Fate cuocere per circa 2 minuti, fino a quando il latte di cocco si rompe e l'olio inizia a fumare leggermente. Aggiungete quindi la miscela di curry e cuocete, mescolando, fino a quando non verranno sprigionati gli aromi, per circa 45 secondi. Versate quindi nel composto il latte di cocco restante, seguito dal brodo vegetale classico, dalla salsa di soia e dallo zucchero. Aggiungete il tempeh tagliato a dadini, la salsa di tamarindo e lasciate cuocere per circa 15 minuti a fuoco medio. Portate a ebollizione una pentola di acqua salata e versateci i noodles rimasti. Fateli cuocere per 1 minuto, scolate i noodles e serviteli nelle ciotole su un letto di zuppa di curry. Coprite con le tagliatelle fritte e servite con qualche rondella di cipollotto e spicchi di lime.

 Di Indira Fassioni www.nerospinto.it

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali