FOTO24VIDEO24ComingSoon.itDonneGraziaMeteo.itPeopleTGCOM24
La Diretta

I fratelli del terrore, da Bruxelles a New York: jihadisti uniti da legami di sangue

Nel copione delle stragi molti terroristi sono spesso fratelli e il maggiore influenza il più piccolo

I fratelli del terrore, da Bruxelles a New York: jihadisti uniti da legami di sangue

Dall'ultimo caso di Bruxelles all'attentato alle Torri Gemelle, la presenza di legami di parentela tra i terroristi è scritto in tutti i copioni del terrore. Uniti da legami di sangue ma anche dall'indottrinamento jihadista. Gli ultimi sono Ibrahim e Khalid el Bakroui: i due kamikaze degli attacchi di Bruxelles, che si sono fatti esplodere uno all'aeroporto di Zaventem e l'altro nel metrò a Maelbeek.

Gli attacchi a Parigi - Un caso, quello di Bruxelles, che ha un precedente nei sanguinosi attacchi di Parigi dell'Isis il 13 novembre 2015, in cui invece i fratelli non hanno condiviso il destino finale. Brahim e Salah Abdeslam, di 31 e 27 anni, di origini marocchine: il primo infatti si è fatto saltare in aria in un caffè, il secondo è stato arrestato pochi giorni fa dopo una latitanza durata quasi quattro mesi.

La strage a Charlie Hebdo - Prima di loro c'erano stati i due terroristi della redazione di Charlie Hebdo del 7 gennaio 2015, rivendicata da Al Qaeda: i fratelli Said e Cherif Kouachi, rispettivamente di 32 e 34 anni, radici algerine ma nati e cresciuti in Francia e rimasti orfani. I due sono stati uccisi insieme due giorni dopo nella tipografia dove si erano asserragliati.

L'attentato alla maratona di Boston - Prima di loro c'erano stati i fratelli americani di origine cecena Tamerlan e Dzhokhar Tsarnaev, che progettarono e compirono il 15 aprile 2013 l'attentato dinamitardo alla Maratona di Boston. Identificati dalle indagini della polizia, i due, che risultano essere cani sciolti ma influenzati da Al Qaeda, sono stati anch'essi separati dalla morte: Tamerlan è stato ucciso dalla polizia il 19 aprile all'età di 26 anni e il fratello Dzhokhar, oggi 22enne, catturato dopo essere rimasto ferito.

L'assalto alla scuola ebraica di Tolosa - E' stato assistito dal fratello maggiore il terrorista antisemita francese di origini algerine Mohammed Merah, 24 anni, che fra l'11 e il 22 marzo del 2012 in tre attacchi fra Montauban e Tolosa uccise otto persone: quattro militari e quattro civili, di cui tre bambini, alla scuola ebraica di Tolosa. E' stato ucciso in uno scontro a fuoco con la polizia il 22 marzo dello stesso anno. Il fratello Abdelkhader, 33 anni, andrà a processo per aver aiutato il fratello, procurandogli le armi e rubando per lui uno scooter.

L'attacco alle Torri gemelle - Un clamoroso precedente fu la presenza di ben tre coppie di fratelli fra i dirottatori degli aerei negli attacchi dell'11 settembre 2001: Waleed e Wail Al-Shehri sul volo American Airlines 11, che si schiantò per primo sulle Torri Gemelle, e che erano seduti uno a fianco dell'altro in prima classe; Hamza e Ahmed Al-Ghamdi sul volo United Airlines 175, che colpì la Torre Sud; Nawaf e Salem Al Hazmi sull'American Airlines 77, il volo che si schiantò sul Pentagono.

La strage a Bali - Infine anche nell'attentato dell'ottobre 2002 a Bali (202 morti, per lo più turisti australiani), tre dei terroristi indonesiani erano fratelli: Ali Imron, Ali Amrozi Nurhasyim, e Ali Ghufron.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati

Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre


In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:

- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV

- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti

- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni

- Più in generale violino i diritti di terzi

- Promuovano attività illegali

- Promuovano prodotti o servizi commerciali