FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Donnavventura tra i Castelli della Valle d’Aosta

Austeri e misteriosi, un viaggio nella storia tra bellezze d'altri tempi

La Valle d’Aosta è da sempre conosciuta per i suoi castelli. Alte torri, imponenti fortezze ed eleganti residenze, puntellano il paesaggio, conferendogli un aspetto fiabesco. La storia della Valle d’Aosta è ricca, sfaccettata, affascinante e varia. Ogni sua parte trova un ricordo tra i vari monumenti che si possono incontrare sul territorio. 

Immerso nel verde e posizionato su un’altura strategica, troviamo il Castello di Fénis. Simbolo della Valle d’Aosta, è un gioiello che incanta per la sua architettura scenografica ed i sui splendidi affreschi. È di epoca medioevale e dimora signorile degli Challant. Si presenta con alte torri e da una doppia cinta muraria ed è impossibile, visitandolo, non immedesimarsi in un cavaliere o in una dama che nel Medioevo viveva al suo interno.
Tra le decorazioni pittoriche del piccolo cortile, spicca l'affresco con San Giorgio e il Drago, tema tipico di ogni ideale cavalleresco. 
Nella Cappella, uno degli ambienti più suggestivi del castello, si trovano raffigurazioni di santi e apostoli, nonché l'affresco con la Madonna della Misericordia, intenta a proteggere sotto il suo manto i membri della nobile famiglia proprietaria del castello, i nobili signori di Challant.

Fénis, Bard, Saint-Pierre: i castelli più belli della Valle d'Aosta

Donnavventura tra i Castelli della Valle d’Aosta

Un altro castello fiabesco è sicuramente il Castel Savoia di Gressoney, un’elegante e raffinata costruzione realizzata all’inizio del ‘900 per volere di Umberto I, con lo scopo di omaggiare la Regina Margherita di Savoia. È costituito da un nucleo centrale rettangolare e da cinque torrette cuspidate, tutte diverse tra loro. Lo stile è eclettico, con riferimenti che vanno dal gotico al liberty.
L’interno è un’autentica bomboniera medioevale, con pitture ornamentali e dipinti, tra cui quello della Regina Margherita.
Ai piedi del castello si trova il giardino botanico, aperto tutto l’anno, ma l’estate è il momento migliore per visitarlo, poiché le piante hanno fioriture rigogliose ed appariscenti.


Imponente opera di sbarramento eretta all’imbocco della Valle D’Aosta è sicuramente il Forte di Bard. 
Fu costruito tra il 1830 e il 1838 sulle rovine di un precedente castello. Questa fortezza non fu mai teatro di scontri e si è quindi conservata praticamente intatta.
Di grande unicità e collocato al centro del paese, su una collina, troviamo il castello di Aymavilles. È un connubio tra una fortezza e una dimora barocca. Oggi è la sede dell’Accademia di Sant’Anselmo. 

 

E per finire, il Castello di Saint-Pierre, uno dei più antichi e scenografici dell’intera Valle D’Aosta. Si trova in cima a un promontorio roccioso in località Tache.
È caratterizzato da quattro torrette decorative tondeggianti che gli conferiscono un aspetto fiabesco.
Il Castello è oggi di proprietà del Comune di Saint-Pierre e dal 1985 ospita il Museo Regionale di Scienze Naturali.

Insomma, la Valle d’Aosta è nota, oltre che per le sue montagne, anche per gli affascinanti manieri. Un viaggio tra queste bellezze d’altri tempi, che ci fa sognare tra leggende e realtà. 

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali