FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Bullismo online, l'Australia pensa a una legge anti-anonimato su Facebook

Con le nuove norme le piattaforme social saranno ritenute responsabili dei commenti diffamatori scritti dai leoni da tastiera

facebook generica social network
ansa

Giorni contati per i leoni da tastiera in Australia. Il primo ministro Scott Morrison ha proposto una serie di norme volte a ridurre il bullismo online, soprattutto quello perpetrato dagli account anonimi. Questa legge riterrebbe le piattaforme social, come Facebook o Twitter, responsabili dei commenti diffamatori fatti contro gli utenti. La proposta sarà pubblicata sotto forma di bozza questa settimana e verrà presentata al parlamento all'inizio del 2022.

Morrison ha affermato di voler colmare il divario tra la vita reale e il dibattito online: "Le regole che esistono nel mondo reale devono essere valide anche in quello digitale". Che la legge possa essere attuata è probabile, visto che anche il leader dell'opposizione, Anthony Albanese, si è detto favorevole: "Non dovrebbe essere al di là della capacità dei social media poter identificare utenti che si comportano in maniera inappropriata online. Le persone non devono nascondersi dietro account Twitter anonimi per infangare o disturbare gli altri".

 

 

Come spiega ABC News Australia, la legge riterrebbe le piattaforme social, come Facebook o Twitter, responsabili dei commenti diffamatori fatti contro gli utenti. I social network dovrebbero inoltre mettere a disposizione degli iscritti dei menù più chiari, con cui denunciare le violenze digitali subite, che si tratti di bullismo o vere e proprie diffamazioni.

 

Come parte di questo processo, alla persona che ha pubblicato il contenuto potenzialmente diffamatorio verrà chiesto di rimuoverlo. Ma se si rifiuta, o se la vittima è interessata a perseguire un'azione legale, la piattaforma potrà chiedere la condivisione delle informazioni di contatto, nome, cognome e numero di telefono. L'invio dei dettagli alla Corte Federale dell'Australia avverrebbe solo dopo il via libera di un tribunale.

 

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali