FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Paola Barale contro le riviste scandalistiche: "Non potete prendere il mio corpo e venderlo"

La showgirl a "Live - Non è la dʼUrso" parla della causa contro Alfonso Signorini che in passato ha pubblicato delle sue foto in topless

Ha utilizzato la vicenda della squalifica di Salvo Veneziano dal "Grande Fratello Vip" per muovere una critica alle riviste scandalistiche. Si tratta di Paola Barale che a "Live - Non è la d'Urso" ha dichiarato: "Non è una forma di mancanza di rispetto sbattere in prima pagina foto rubate di donne nude?"


L'attrice e showgirl si riferisce ad alcune immagini pubblicate dalla rivista di Alfonso Signorini, "Chi", che la immortalano in topless sul balcone del suo appartamento a Ibiza. "Gli ho fatto causa, ma non so perché l'ho persa", ha dichiarato Barale che ha chiarito: "Non è un attacco a Signorini, credo solo che se si vuole il rispetto delle donne bisogna dare il buon esempio: esiste il gossip, ma c'è un limite".

 

"Anche tu hai sfruttato i giornali", è la replica in studio di Roberto Alessi, direttore di "Novella 2000", che ha aggiunto: "Voi siete diventati personaggi perché i giornali vi hanno pubblicato. Sei salita sulla giostra: questo è il gioco". 

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali