FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

La madre di Nadia Toffa: "Prima di morire capì che la sorella era incinta"

Margherita Rebuffoni racconta in tv la rivelazione della figlia

nadia toffa, verissimo

"Poco prima di morire, Nadia mi disse a bassa voce che mia figlia Silvia era incinta di una bambina". Margherita Rebuffoni, ospite de "La vita in diretta" nel giorno del 41esimo compleanno della figlia, ricorda la rivelazione della Toffa. E aggiunge: "Quando guardo la sua foto mi dà una forza, mi trasmette nel cuore una serenità, non ho più paura di niente".

LEGGI ANCHE >

"Le Iene" omaggiano Nadia Toffa con una sigla: "Oggi avresti compiuto 41 anni. Ci manchi tanto"

 

"Mia figlia da tempo provava ad avere un bambino ma non riusciva - prosegue - Io non le dissi niente per non illuderla, ma era vero. Poi è nata la nostra Alba Nadia, la nostra salvezza. Ho letto che chi soffre di tumore alla testa negli ultimi periodi sviluppa una sensibilità speciale...".

Nadia Toffa, le foto della Iena guerriera

 

La mamma della Toffa ricorda che Nadia da piccola era un "peperino e un'incosciente che faceva ginnastica artistica acrobatica e sciava". Con un caratterino molto particolare che spiccava anche quando doveva difendere gli altri: "Difendeva i suoi compagni di classe, era la protettrice degli audiolesi della scuola”. 

 

TI POTREBBE INTERESSARE:

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali