FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

La madre di Nadia Toffa: "Parlava spesso della morte, ha voluto intorno solo la famiglia"

Margherita Rebuffoni racconta gli ultimi mesi della "Iena" più amata della tv

nadia toffa

"Nadia negli ultimi tempi mi ha preso per mano, parlavamo spesso della morte, mi diceva che aveva l'impressione di avere a che fare con qualcosa di più grande". Margherita Rebuffoni, la mamma di Nadia Toffa, racconta gli ultimi mesi della Iena al settimanale "Grazia". Dopo la scomparsa è uscito il libro "Non fate i bravi", con i pensieri di Nadia affidati alla madre,

"Perdere un figlio è devastante - prosegue - anche se ne hai altri dieci, anche se credi di esserti preparata all'addio. La forza di andare avanti me l'ha data mia figlia. Nadia mi ha preso per mano e mi ha insegnato ad essere una donna forte e indipendente. Quando se ne è andata non ero più quella di prima".

Margherita racconta di come negli ultimi mesi avesse voluto accanto a se solo la famiglia: "Quando è stato il momento di trasferirla in ospedale le ho detto una bugia, le ho detto che ero io quella che doveva ricoverarsi e che lei avrebbe dovuto accompagnarmi. In ospedale siamo sempre state vicine. Avevo l'impressione che non se ne andasse perché non voleva lasciarmi. L'ultima notte ho preso forza e le ho detto 'vola amore mio' e lei lo ha fatto".

 

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali