FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Kikò Nalli in ospedale: "Mi hanno aggredito alle spalle e spaccato qualcosa in testa"

Truma cranico per lʼex gieffino, colpito da alcuni ragazzi in scooter che sono scappati

Instagram

Dopo l'aggressione a Lorella Boccia e al marito Niccolò Presta, ora un altro volto noto della tv è stato vittima di un episodio di violenza. Kikò Nalli, dall'entrata del pronto soccorso, ha infatti informato i suoi follower dell'accaduto: "Mi hanno aggredito per strada, alle spalle. Mi hanno spaccato qualcosa in testa, non so se una catena o un sasso. Hanno insultato me e Barbara d'Urso, poi sono scappati".

L'ex gieffino si è poi recato alla polizia per sporgere denuncia contro ignoti: "Mi hanno aggredito perché mi stavo facendo delle foto con delle ragazzine. In giro c'è tanta invidia e cattiveria, purtroppo il mondo è questo. Ho fatto la denuncia, ora vediamo che succede".

Qualche ora dopo, sempre via social, ha aggiornato i fan sulle sue condizioni di salute: "Grazie per le persone che mi hanno scritto. Poteva andare peggio, ho un trauma cranico ed escoriazioni in testa ma niente di grave. Ho la testa dura e sono tornato a sorridere. Spero che le persone che mi hanno fatto questo si facciano avanti e mi chiedano scusa". 

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali