FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Kikò Nalli colpito da un malore finisce in ospedale

Dopo il ricovero lʼex gieffino su Instagram rassicura i fan: "Sto bene, solo forte stress"


Paura per Kikò Nalli. L'hair stylist, ex marito di Tina Cipollari, è stato colpito da un malore al petto ed è finito in ospedale. Il protagonista dell'ultima edizione del "Grande Fratello" è stato trasportato con una ambulanza all'ospedale Santa Maria Goretti di Latina. Dopo lo spavento ha rassicurato i fan su Instagram: "Sto bene, tutto apposto, solo un forte stress. Chi crede di vedermi cadere può mettersi l’anima in pace. Io mi rialzo sempre!".

LEGGI ANCHEAmbra Lombardo: "Con Kikò sono volati piatti" 
 

Un'altra disavventura per Kikò che a ottobre è stato aggredito mentre tornava a casa. A colpirlo sarebbero stati alcuni passanti, che prima hanno commentato negativamente e insultato l’ex gieffino mentre firmava autografi e poi, da dietro, lo avrebbero colpito con un tirapugni.

Ambra Lombardo, la bella insegnante conosciuta nella Casa del Gf e con la quale Nalli vive una storia travagliata, a distanza, ha preferito non commentare sui social. Non si sa se al momento del malore fosse con lui. 


TI POTREBBE INTERESSARE:

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali