FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

Fiorello e il rischio coronavirus: "Ho 60 anni e starò a casa come Ligabue: Venditti e Baglioni non ne parliamo"

In un video postato sui social lo showman ironizza sulle nuove misure allo studio dal governo

A Fiorello l'ironia non è mai mancata. Così l'appello social ai 60enni come lui (il 16 maggio spegnerà 60 candeline) a rimanere a casa è un invito che fa subito il giro della Rete. Il popolare showman, infatti, ricorda che presto anche lui varcherà quella soglia e scherza sulle nuove misure della fase 2 dell'emergenza coronavirus allo studio dal governo. "Io e Ligabue dobbiamo stare a casa, Baglioni e Venditti non ne parliamo proprio", spiega in un video.

LEGGI ANCHE >

Coronavirus, da Favino alla Cortellesi 150 attori firmano appello su Facebook contro la crisi

 

"Buongiorno, sono Rosario Fiorello, sono nato il 16 maggio del 1960 - commenta Fiore - questo significa che il 16 maggio compirò 60 anni. E adesso i 60enni non possono uscire. Io non ce li ho ancora, quindi io dal 4 al 16 maggio potrei uscire. Ma noi 60enni dobbiamo fare fronte comune e dobbiamo dare retta a chi ci governa. Quindi se dicono che noi sessantenni dobbiamo stare a casa significa che siamo a rischio, siamo persone da proteggere. Siamo un po' come il panda, il colibrì dell'Himalaya, siamo in via di estinzione. Però non usciamo. Stiamo a casa".

 

 

Coronavirus, la ragazza con l'orecchino di Banksy indossa la mascherina

L'emergenza coronavirus irrompe sempre più nell'arte. E ora anche "La ragazza con il timpano trafitto" indossa la mascherina. Si tratta di uno tra i più famosi graffiti realizzato da Banksy su un muro di Bristol, in Inghilterra, per omaggiare il celebre dipinto di Vermeer "La ragazza con l’orecchino di perla". La notizia è riportata anche dalla Bbc, che sottolinea come non sia chiaro se ad aggiungere la mascherina sia stato proprio Banksy o altri.

 

Fiorello prosegue parlando dei nuovi 60enni: "Quelli di oggi non sono quelli di una volta: siamo molto più arzilli, però rimaniamo a casa. Io comunque dal 4 maggio fino al 15 un'uscitina me la farò, con la mascherina, con lo scafandro, con il passamontagna, con la muta, con la boccia di vetro del pesce rosso, tolgo il pesce e l'acqua ed esco con la boccia in testa. Quindi amici 60enni rassegnamoci: voi pensavate di essere ancora giovani non è così".

 

Infine coinvolge alcuni nomi della musica coetanei come Ligabue: "Mi rivolgo ad alcuni amici che conosco: ad esempio, Ligabue, non puoi uscire manco tu! Pensa Baglioni, Venditti, questi proprio niente, chiusi...".

 

Coronavirus, la nuova vita degli italiani su balconi e terrazzi

I più fortunati hanno terrazzi (privati o condominiali) dove passare qualche minuto della loro giornata senza infrangere i divieti. Ma anche i balconi sono merce molto ambita in questo periodo di quarantena. E così la socialità degli italiani, quelli bravi che rispettano le regole, si modifica e si trasferisce in queste piccole pertinenze.

 

TI POTREBBE INTERESSARE:

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali