FOTO24VIDEO24Logo MediasetComingSoon.itDonnelogo mastergameCreated using FigmaGraziaMeteo.itPeoplesportmediaset_negativesportmediaset_positiveTGCOM24meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

"Il trono di spade" chiude la saga: fine di unʼepoca di intrighi, sesso e battaglie

Si è conclusa nella notte lʼultima stagione di una delle serie tv più amate e importanti degli ultimi anni

"Il trono di spade" chiude la saga: fine di un'epoca di intrighi, sesso e battaglie

Questa volta è finita davvero. Nella notte è andata in onda l'ultima puntata dell'ottava stagione, quella conclusiva, de "Il trono di spade". Tutto è compiuto nel magico mondo di Westeros e sui social è già iniziato l'immancabile diluvio di commenti e recensioni. Una cosa certa: il finale, che non sveliamo per chi non avesse ancora visto l'episodio, farà discutere per settimane. E intanto il cast dà l'addio ai fan via social.

E' stata Emilia Clarke, in particolare, a fare un lungo post su Instagram, corredato da una foto del cast in costume di scena e in borghese davanti alla tv, per il commiato dal pubblico. "Trovare le parole per questo post mi ha lasciato sopraffatta per quante cose avevo da dire ma quanto piccole sono le parole in confronto a quello che Dani e questa serie hanno rappresentato per me". E poi ancora: "Il trono di spade mi ha formata come donna, come attrice e come essere umano. Vorrei solo che mio padre fosse qui ora per vedere quanto siamo volati lontano".

Nei suoi otto anni di vita (ha esordito sull'emittente americana via cavo HBO nell'aprile 2011) la serie fantasy medievale tratta dai romanzi di George R.R. Martin (in realtà le prime sei stagioni, perché lo scrittore non ha concluso la saga e gli sceneggiatori sono andati avanti con soggetti inediti), in onda in 170 paesi, ha travalicato i confini televisivi diventando fenomeno di costume e oggetto di culto, conquistando stagione dopo stagione un numero sempre più crescente di appassionati, anche quelli non proprio avvezzi alle storie di cavalieri e draghi. Merito di una scrittura e una messa in scena, premiate con 47 Emmy, capaci di richiamare atmosfere cinematografiche e riportare in vita, sconvolgendone le regole, il genere del fantasy che, dopo il boom del "Signore degli anelli" cinematografico nei primi anni Duemila, sembrava non entusiasmare più le folle.

Invece, l'appassionante lotta per la conquista del trono di spade dei Sette Regni, gli intrighi, i giochi di potere, le lotte, hanno trasformato "Game of Thrones" da iniziale prodotto di nicchia a fenomeno mainstream, facendo breccia nel cuore di un pubblico sempre più vasto: e questo nonostante la morte in serie (perlomeno nelle prime stagioni) dei personaggi più amati, l'incubo di ogni produttore televisivo, e le polemiche per la violenza e l'uso eccessivo delle scene di sesso (sempre nelle prime stagioni). Personaggi, situazioni e modi di dire di "Game of Thrones" sono entrati nel linguaggio comune in maniera così potente che anche chi non ha mai visto un episodio difficilmente non saprebbe riconoscere uno dei protagonisti della saga: dalla regina dei draghi Daenerys Targaryen al 'folletto' Tyrion Lannister, dall'eroe senza macchia Jon Snow alla giovane Arya Stark.

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali

OGGI SU PEOPLE