FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Robbie Williams: "Assoldarono un sicario per uccidermi"

L'ex "Take That" ha rivelato che al culmine del successo divenne obiettivo di un killer

Essere ricchi e famosi comporta sempre alcuni rischi, come sa bene Robbie Williams. L'ex "Take That" ha infatti rivelato a "The Mirror" di essere stato obiettivo di un killer all'inizio della sua carriera da solista.  "Non l'ho mai detto pubblicamente prima, ma qualcuno assoldò un sicario per uccidermi", ha raccontato. "E' andato via. Avevo alcuni amici".

 

Grazie ad alcune conoscenze "losche" il sicario fece marcia indietro e lo lasciò tranquillo. "Queste cose sono le cose invisibili che succedono quando si diventa famosi", ha spiegato il cantante. "A un certo punto della mia vita ero famoso in modo ridicolo, in stile Michael Jackson".

 

"Sono diventato famoso a 17 anni, facendo parte di una boy band. Quando iniziai la mia carriera da solista a 21 anni vendetti 80 milioni di dischi, con il record di più biglietti venduti in un solo giorno per un tour", ha ricordato. Il successo improvviso gli ha però causato diversi problemi nel corso della sua vita, tra cui ansia e depressione.

 

 "Vorrei andare in posti normali in cui non posso andare perché alcune persone vogliono uccidermi. Ci vuole un po' per accettarlo", ha spiegato. "Sono ansioso e non mi piace incontrare sconosciuti, ma gli sconosciuti vogliono incontrarmi e questo mi mette a disagio. Pensare a queste cose mi fa venire ansia, è un nervo scoperto".

 

Robbie Williams tenero papà in famiglia

 

Ti potrebbe interessare:

 

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali