FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51

George Clooney sceglie la fantascienza per il suo ritorno: regista e attore nel post-apocalittico "The midnighy sky"

Il nuovo film del divo hollywoodiano arriverà in streaming a dicembre: è lʼadattamento del romanzo "La distanza tra le stelle" di Lily Brooks-Dalton

Instagram

George Clooney mancava da parecchio tempo dal mondo del cinema. Risale al 2016 il suo ultimo film da attore, "Money Monster", mentre l'anno successivo ha firmato "Suburbicon". Per il suo ritorno, il divo si cimenta per la prima volta con il genere fantascienza, dirigendo e interpretando "The Midnight Sky", in arrivo in streaming su Netflix i giorni prima di Natale. La pellicola post-apocalittica, tra i titoli più attesi dei prossimi mesi, è basata sul romanzo "La distanza tra le stelle" della scrittrice statunitense Lily Brooks-Dalto e racconterà l’estinzione della razza umana. 

LEGGI ANCHE > L'ode all'Italia di George Clooney: "Dagli italiani ho imparato a godere della vita"

 

George Clooney ha descritto il suo film come un mix tra "Revenant – Redivivo" (con il quale condivide anche lo sceneggiatore, Mark L. Smith) e "Gravity". E' la storia di un team di astronauti che scopre l’esistenza di una luna che ruota attorno a Giove, e che presenta le condizioni ideali per ospitare gli esseri umani. Nel frattempo, una catastrofe ha colpito la Terra, portando all’estinzione il genere umano. Gli unici sopravvissuti sono Augustine (George Clooney), e una bambina, Iris (Caoilinn Springall). I due dovranno convincere il team di astronauti a non far ritorno sulla Terra.

 

"Per fare il film non abbiamo scatenato una pandemia né appiccato il fuoco all’intera west-coast. Però l’immagine che mostriamo della Terra non sembra molto diversa dalle immagini della costa occidentale diffuse dai satelliti in orbita. È fantascienza, che purtroppo diventa sempre meno fittizia", ha raccontato il divo a Vanity Fair.  “La malattia dell'odio e gli elementi che ne derivano, le battaglie e le guerre, questi sono gli elementi del film" ha spiegato, aggiungendo: "Ma volevo che fosse anche un'opera sulla redenzione, in un certo senso. Volevo che ci fosse un po' di speranza in una storia piuttosto desolante che racconta la fine dell'umanità". 

 

Cʼera una volta un sex symbol, guarda come è cambiato Clooney

 

 

TI POTREBBE INTERESSARE:

Commenti

Commenta
Disclaimer

Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali