FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Stellantis non butta via niente e la guerra (senza pace) dellʼeconomia russa

Nella Settimana dei Motori anche la Moto Guzzi V100 Mandello Aviazione Navale presentata sulla portaerei Cavour

Stellantis la chiama Economia Circolare, ma tradotto in volgare linguaggio global significa riciclo.

Attenzione, la nobile arte del riciclo di cose usate ma ancora buone da utilizzare, e in un mondo dove i ritardi delle forniture (vedi i semiconduttori) sono la peggior “bestia” contro cui combattono i costruttori auto, è una buona notizia.

Ufficio stampa

Allʼinterno dellʼorganizzazione Stellantis, lʼ“

Economia Circolare

” è oggi una delle

7 nuove business unit

. Si occuperà per intero dello sviluppo dellʼauto elettrificata, incluse le trasmissioni a doppia frizione eDCT, e agirà sui principi della cosiddetta

sostenibilità produttiva

: rigenerazione di componenti, ricondizionamento e smantellamento di veicoli. Tutto sarà racchiuso nelle

4R: riparazione, riutilizzo, rigenerazione e riciclo

. Inoltre Stellantis metterà Mirafiori al centro di questa strategia, e questa è una seconda buona notizia. Finalmente a Torino potranno dire che “

le Stellantis non stanno a guardare

”.



Guerra e Pace

‒ Le sanzioni alla Russia funzionano o no? Ed è vero che fanno più male a noi europei che a loro? Per rispondere con avvedutezza al quesito che ha assillato i politici italiani in questa campagna elettorale, bisognerebbe vivere in quel Paese, frequentarne i mercati e i luoghi di lavoro, le città e i villaggi. Farlo magari in incognito, come un ignaro

Ispettore Generale immaginato da Gogol

.


 


Qualche idea però possiamo farcela anche a distanza, se ricorriamo a quella pratica del data journalism che tante indicazioni sa darci. È il caso allora di vedere un indicatore dei consumi comʼè il mercato dellʼauto.

Dopo i primi due terzi dellʼanno lʼUnione Europea ha fatto registrare un calo del 12% delle vendite di auto

; in Italia il mercato è ancora più debole: -18,4%! Germania, Francia e Regno Unito marciano tra il -10 e -14%.

E in Russia?

Dopo i primi 8 mesi del 2022 le vendite di auto nuove sono crollate del 66%!

Dieci anni fa, nel 2012, si immatricolarono in Russia quasi 3 milioni di auto, nel 2020 della pandemia, del lockdown e delle aziende ferme, ci si attestò a 1,6 milioni. Questʼanno chiuderà a 670 mila nuove auto vendute, secondo le stime GlobalData riportate da justauto. Insomma i consumi in Russia legati alle auto sono in frenata. Pare invece che “volino” i viaggi aerei, soprattutto quelli solo andata.


 


Ufficio stampa


Chiamami Aquila

‒ Che ci fa una

Moto Guzzi

sulla

portaerei Cavour

, ammiraglia della flotta italiana? Semplice, torna a casa! Perché la Casa motociclistica è nata nellʼ

Aviazione Navale

, tra cielo e mare. I fondatori

Carlo Guzzi, Giorgio Parodi e Giovanni Ravelli

erano infatti tre piloti dell’Aviazione Navale, il Servizio Aeronautico della Regia Marina creato nel 1913. Purtroppo Ravelli fu vittima di un incidente nel 1919 e non poté seguire i compagni quando a Genova fondarono lʼazienda, avviando poi nel 1921 la produzione di motociclette sul Lago di Lecco. Restò però indissolubile il

legame con lʼAviazione Navale, il cui simbolo dellʼaquila divenne tout-court quello della Moto Guzzi

.


 


La presentazione della

Moto Guzzi V100 Mandello

a bordo della portaerei Cavour è stata quindi lʼaccoglienza della

Marina Militare

a quella che può considerare una sua creatura. E lʼoccasione meritava un omaggio particolare, la

serie speciale V100 Mandello Aviazione Navale

. Ispirata nella livrea ai caccia F-35B, sarà prodotta in edizione limitata di 1913 esemplari numerati (come lʼanno di nascita del servizio della Regia Marina) e avrà di serie il sensore della pressione pneumatici e le manopole riscaldabili.


Moto Guzzi V100 Mandello Aviazione Navale


TI POTREBBE INTERESSARE

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali