FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Il Cavallino Ferrari non corre il Palio e i ladri di marmitte

Nella settimana dei motori Stellantis che lascia lʼAcea, lʼassociazione europea dei costruttori auto, e il no di Maranello alla guida autonoma

Tavares nel solco di Marchionne ‒ Era il 2012 e fece scalpore lʼuscita di FCA da Confindustria, non sentendosi più rappresentata dal massimo organismo degli industriali italiani.

Allʼepoca si disse: “Ma come? Negli anni passati la

famiglia Agnelli

era stata persino a capo di Confindustria e adesso la prima azienda privata italiana ne esce?”.

Ufficio stampa


La decisione di Marchionne fu presa in seguito al varo delle

nuove norme sulla contrattazione aziendale in Italia

. Il manager italo-canadese sperava che prendessero il sopravvento sui contratti nazionali, riducendo il ruolo e i compiti di Confindustria. Non andò così, i contratti di lavoro nazionali continuarono e continuano ad avere valore di legge e nel 2019 FCA perse anche in Cassazione, ma il gruppo era ormai diventato troppo internazionale e aperto fra le due sponde dellʼAtlantico per “pensarsi” solo italiano.



Ufficio stampa

LʼEuropa sta stretta a Stellantis

‒ Oggi Carlos Tavares fa lo stesso, ma a un gradino anche superiore, quello europeo:

Stellantis infatti lascerà lʼAcea

, che non è lʼazienda municipalizzata di Roma (almeno non solo quella), ma anche lʼ

Associazione dei costruttori europei dellʼauto

. Lo farà entro la fine dellʼanno e al suo posto creerà dal 2023 il

Freedom of Mobility Forum

, una sorta di consesso internazionale in cui si discuteranno i temi comuni della mobilità decarbonizzata, della sostenibilità e della creazione del valore nel nuovo contesto. “Le sfide ambientali che ci attendono richiedono un approccio a 360 gradi efficiente, globale e inclusivo”, ha detto Tavares, che nel Forum vuole coinvolgere aziende, università, scienziati e pure i politici. Ancora non è chiaro invece chi porterà a Forum i figuranti…


 


Guida Autonoma? Grazie, ma anche no!

‒ La guida autonoma di livello 4 e 5, quella per cui le auto marciano in pratica da sole, non si addice a

Ferrari

. A dirlo educatamente ma con nettezza sono stati i vertici del Cavallino nel corso del

Capital Markets Day

dellʼaltro giorno. Dʼaltronde per unʼazienda che ha fatto della velocità e del piacere di guida la sua fede sembra anche scontato. Di carne al fuoco ce nʼè già tanta nel mondo dellʼauto e in casa Ferrari pure,

15 nuovi modelli nel periodo 2023-2026 e il primo Suv ‒ Purosangue ‒ ormai in rampa di lancio

.
Dal Web

Cʼè la sfida elettrica, cui Maranello non si sottrae (la prima elettrica nel 2025) e tanto basta per un piccolo costruttore di auto da sogno. E per allontanare le suggestioni delle auto che si guidano da sole, Ferrari continuerà a offrire ai suoi clienti lʼunicità che meritano, ne sono i cavalieri, perché

il Cavallino non corre il Palio di Siena

(senza fantini). Anche perché i conti tornano, nel 2026 Ferrari stima 2,5 miliardi di euro di utili operativi (Ebitda), forse anche più, che per gli azionisti si tradurrà in un 30/35% di dividendi in più. Quindi, prendendo spunto dal fondatore

Enzo

, le auto migliori sono come le vittorie: “

la miglior Ferrari che sia mai stata costruita sarà la prossima

”.


 


Ladri di automobili? Macché, roba passata

, adesso i ladri vanno a caccia di… marmitte! O meglio dei moderni catalizzatori di gas esausti, perché contengono minerali che valgono più dellʼoro.

Platino, palladio, rodio

sono utilizzati negli impianti di scarico delle auto per il trattamento dei gas di scarico, tramite conversione catalitica. Il platino è quotato oggi attorno ai 28.000 euro al kg, il palladio a 70.000 e il

rodio addirittura a 400.000 euro al chilo!

È la penuria di questi metalli rari, aggravata dalla guerra (sono minerali estratti in Russia e Ucraina) ad aver acceso il ritardo nelle forniture allʼindustria dellʼauto, con le consegne dilatate ovunque nel mondo. Ebbene in un convertitore catalitico ci sono almeno 6 grammi di questi metalli, per un valore al mercato nero che oscilla tra 500 e 1.500 euro per ogni catalizzatore!

Attenzione allora ai nuovi ladri, soprattutto se lʼauto è nuova

, e diamo un consiglio… in economia: quando comprate lʼauto, evitate almeno quelle col doppio scarico. Farebbe gola il doppio!


Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali