FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

Biciclette vs auto e camion: se la convivenza è difficile, meglio separarsi

Nella Settimana Motori scossa dagli incidenti ai ciclisti, anche il nuovo design Lancia e Totti testimonial di Volkswagen ID.Buzz

È stata una settimana devastante per i ciclisti. Dallʼex campione Davide Rebellin al bambino di 7 anni caduto dal seggiolino della bici guidata dal padre fino al 17enne che andava ad allenarsi, la bicicletta continua a mietere vittime.

Lo scorso anno in Italia sono morti 220 ciclisti in incidenti stradali, più 10 vittime col monopattino. Lʼinterrogativo su "Cosa fare?" diventa pertanto stringente e richiede scelte forti, difficili e costose, come lʼaccettazione che automobili e biciclette non possono condividere gli stessi spazi.

Ufficio stampa

Lʼurbanistica contemporanea ci sta insegnando che separare i modelli di mobilità è possibile. Da una parte i veicoli (perlopiù sotto, al livello più basso e sulle strade già esistenti), dallʼaltra i pedoni e magari le piste ciclabili, ad altezze superiori. In molte città europee, e da noi a Milano ad esempio, la nuova viabilità metropolitana a strati sta prendendo piede. Si eviterebbe così il contatto tra i veicoli a motore e gli utenti deboli come pedoni, ciclisti, monopattinisti. Fuori dalle città, invece, andrebbero separati fisicamente gli spazi per le bici e quelli per auto e camion, con ostacoli e dissuasori. Certo è un impegno gravoso per le casse pubbliche e non salverà tutti, ma molti sì, e allora un piano per la mobilità sicura varrebbe la pena pensarlo.

 

Ufficio stampa

Bergamo, Cuneo e Caltanissetta le tre città italiane che tutelano meglio i ciclisti. La classifica dellʼUrban Award 2022 ‒ contest ideato da Ludovica Casellati e organizzato con lʼAssociazione dei Comuni Italiani (ANCI), ‒ vede Bergamo come la città più a misura di bicicletta in Italia. Merito del progetto “Bergamoinbicicletta” del Comune guidato dal sindaco Giorgio Gori, che comprende un’innovativa velostazione, la riapertura della storica Ciclofficina, quasi 3.000 posti bicicletta, un nuovo servizio di bike sharing con 390 biciclette e Bike box per il parcheggio in sicurezza. Al secondo posto Cuneo e il suo apprezzato Cuneo Bike Festival, terza Caltanissetta per aver realizzato un percorso ciclabile “sicuro” verso Enna. 

 

Anelli di congiunzione ‒ Un blocco blu micalizzato che sa più di argento vivo per unire passato e futuro. Un blocco morbido e sinuoso, che levita dai marmi del pavimento a scacchi della Galleria Grande della Reggia di Venaria, senza volumi e senza pneumatici. La PU+RA Zero è il manifesto di stile delle future Lancia, la nuova Ypsilon attesa per il 2024, unʼammiraglia due anni dopo e infine la nuova Delta nel 2028, quando tutte le auto della Casa fondata da Vincenzo Lancia nel 1906 saranno elettriche.

 

Lancia PU+RA Zero sta per “Pure Radical” ed è il codice di stile delle Lancia, universale come il Code Napoleon, che cambia evolvendo i principi stabiliti nelle sue leggi e adattandoli ai tempi, questi sì mutevoli. Nella fluidità delle forme della scultura troviamo il passato, lʼHeritage, come il calice di luci disegnato per il frontale, ma troviamo il futuro anche, con questo disegno che si paleserà sulle vetture attese. Lancia chiama “Progressive Classic” questo stile che attraversa con visione lunga due secoli. Più che congiunzione, Anelli di accrescimento.

 

 

No Mondiali, si parte ‒ La tensione in casa Totti deve essere stata alle stelle negli ultimi tempi, diciamo pure… elettrica. Le vicende sono note, nuove e nuovi compagni allʼorizzonte, il gossip è pieno, ma Francesco ha pur sempre tre figli e pure la nuova compagna Noemi ne ha due. Una macchina spaziosa serve e allora, elettrico per elettrico, tanto vale assicurarsi una Volkswagen ID.Buzz, generosissima di spazi. Testimonial della gamma ID. Family, Totti è persino andato in Qatar con il monovolume elettrico, a portarci lʼItalia. Beh, non proprio la nazionale ai mondiali ma almeno la signora Italia, come vediamo nella serie “Un’Italia in Qatar” della nuova campagna di comunicazione di Volkswagen Italia.

 

 

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali