FOTO24 VIDEO24 Logo Mediaset ComingSoon.it Donne logo mastergame Grazia Meteo.it People sportmediaset_negative sportmediaset_positive TGCOM24 meteo.it
Podcast DirettaCanale 51
Temi del momento

TEMPO REALE

Referendum d'annessione alla Russia, Kiev: gruppi armati costringono le persone a votare | Ue, Michel: "Favorevole ad aprire le porte ai russi in fuga"

Il G7: "Non riconosceremo mai il voto farsa". Il Cremlino: "Se in Donbass vincerà il sì, Mosca considererà ogni attacco contro questo territorio come un attacco al proprio territorio"

Ucraina, al via il referendum per l'annessione alla Russia dei territori occupati

Nelle autoproclamate repubbliche di Donetsk e Luhansk, e nei territori occupati di Zaporizhzhia e Kherson i cittadini sono chiamati al voto per esprimersi sull'annessione alla Russia.

Leggi Tutto Leggi Meno

La guerra in Ucraina giunge al 212esimo giorno.

Aperte le urne per i referendum d'annessione alla Russia. Il Cremlino: "Se in

Donbass

vincerà il sì, Mosca considererà ogni attacco contro questo territorio come un attacco al proprio territorio". I leader del G7 condannano "fermamente" i referendum "farsa": "Non li riconosceremo mai". Intanto il presidente ucraino

Zelensky

punta a far breccia sulla popolazione russa in disaccordo con

Putin

e lancia un appello chiedendo a tutti di protestare contro la mobilitazione o fuggire dal Paese. Il presidente del Consiglio europeo, Charles

Michel

, si dice favorevole "in linea di principio" all'ipotesi che l'Europa apra le sue porte ai russi in fuga.
  • 23 set

    Biden: "I referendum della Russia sono una farsa, non li riconosceremo mai"

    Gli Stati Uniti "non riconosceranno mai il territorio ucraino come nient'altro che parte dell'Ucraina". Lo ha detto il presidente americano Joe Biden, sottolineando che i referendum della Russia "sono una farsa, un falso pretesto per tentare di annettere parti dell'Ucraina in flagrante violazione del diritto internazionale e della Carta delle Nazioni Unite. Lavoreremo con i nostri alleati e partner per imporre nuovi costi economici rapidi e severi alla Russia".

  • 23 set

    Michel: "Favorevole che l'Ue apra le porte ai russi in fuga"

    Il presidente del Consiglio europeo, Charles Michel, si è detto favorevole "in linea di principio" all'ipotesi che l'Europa apra le sue porte ai russi in fuga, dopo l'annuncio della mobilitazione parziale da parte di Vladimir Putin. Michel ha precisato che l'Ue dovrebbe mostrare "un'apertura a coloro che non vogliono essere strumentalizzati dal Cremlino".

  • 23 set

    Nato: "Gravi conseguenze se la Russia userà armi nucleari"

    Il segretario generale della Nato, Jens Stoltenberg, ha affermato che ci saranno "gravi conseguenze" se la Russia utilizzerà le armi nucleari in Ucraina. "La nostra reazione dipenderà dal tipo di armi di distruzione di massa che il Cremlino può usare. Il fatto è che la probabilità di qualsiasi uso di armi nucleari è ancora bassa, ma le potenziali conseguenze sono così grandi che dobbiamo prenderle sul serio. E la retorica e le minacce sconsiderate che Putin porta avanti aumentano le tensioni".

  • 23 set

    Usa: "Nuove sanzioni contro la Russia se ci sarà l'annessione"

    Stati Uniti e alleati "sono pronti a nuove sanzioni e a nuovi costi contro la Russia, se quest'ultima procederà con l'annessione di territori ucraini". Lo ha annunciato la portavoce della Casa Bianca, Karine Jean-Pierre, aggiungendo che la guerra in Ucraina "è una guerra ingiusta e non provocata, iniziata dal Cremlino".

  • 23 set

    Terminata l'esumazione a Izyum: 447 corpi nella fossa comune

    A Izyum è stata completata l'esumazione degli abitanti uccisi dai russi e gettati nella fossa comune. Sono stati ritrovati 447 corpi, compresi quelli di cinque bambini, la maggior parte con segni di morte violenta e in 30 casi segni di tortura. Lo affermano le autorità ucraine, sottolineando che si tratta di 215 donne, 194 uomini, 5 bambini e 22 militari. "Ci sono corpi con una corda al collo, con le mani legate, con gli arti spezzati e con ferite da arma da fuoco. Diversi uomini hanno subito l'amputazione dei genitali".

  • 23 set

    VIDEO - Russia, i cittadini si oppongono alla chiamata alle armi

  • 23 set

    Mosca aumenterà del 43% le spese militari nel 2023

    Il presidente russo Vladimir Putin si prepara ad aumentare i finanziamenti per le spese militari. Secondo quanto riporta Bloomberg, la spesa militare supererà la pianificazione di bilancio iniziale per il 2023 di oltre il 43%, mentre quella per la sicurezza nazionale e le forze dell'ordine aumenterà di oltre il 40%. Al momento, Mosca investe nel settore della difesa quasi 5 trilioni di rubli (84 miliardi di dollari), pari al 3,3% del suo Pil.

  • 23 set

    Il G7: pronti a nuove sanzioni alla Russia

    "Siamo pronti a imporre nuovi costi economici alla Russia, a individui e enti,  dentro e fuori la Russia, che stanno dando supporto politico o economico al tentativo illegale della Russia di cambiare lo status del territorio ucraino". Lo dicono i leader dei G7 in un comunicato sui referendum in corso in Ucraina.

  • 23 set

    Il G7: non riconosceremo mai questi referendum farsa

    "Non riconosceremo mai questi referendum che sembrano essere un passo verso l'annessione russa e non riconosceremo mai una presunta annessione se succedesse". Lo sottolinea una nota dei leader del G7 sui referendum russi in Ucraina. I "referendum farsa" avviati oggi dalla Russia "non hanno effetto legale e legittimità come dimostrato dai metodi frettolosi della loro organizzazione, che non rispetta in alcun modo le norme democratiche, e dalla sfacciata intimidazione della popolazione locale".

  • 23 set

    G7: ferma condanna referendum farsa voluti da Russia

    "Noi leader del G7 condanniamo fermamente i referendum farsa, che la Russia cerca di usare per creare un pretesto falso, per cambiare lo status della sovranità territoriale ucraina, soggetta all'aggressione in corso dalla Russia". Lo scrivono i membri del G7 in una nota. "Queste azioni violano chiaramente la carta delle Nazioni Unite e il diritto internazionale, e vanno in direzione diametralmente opposta allo stato di diritto fra le nazioni", si legge ancora.

Commenti
Commenta
Disclaimer
Grazie per il tuo commento

Sarà pubblicato al più presto sul nostro sito, dopo essere stato visionato dalla redazione

Grazie per il tuo commento

Il commento verrà postato sulla tua timeline Facebook

Regole per i commenti

I commenti in questa pagina vengono controllati
Ti invitiamo ad utilizzare un linguaggio rispettoso e non offensivo, anche per le critiche più aspre

In particolare, durante l'azione di monitoraggio, ci riserviamo il diritto di rimuovere i commenti che:
- Non siano pertinenti ai temi trattati nel sito web e nel programma TV
- Abbiano contenuti volgari, osceni o violenti
- Siano intimidatori o diffamanti verso persone, altri utenti, istituzioni e religioni
- Più in generale violino i diritti di terzi
- Promuovano attività illegali
- Promuovano prodotti o servizi commerciali